Se il teatro ride di se stesso

A Piacenza applausi per il nuovo allestimento de Le convenienze ed inconvenienze teatrali di Donizetti

"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)
"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)
Recensione
classica
Piacenza, Teatro Municipale
Le convenienze ed inconvenienze teatrali
19 Novembre 2021 - 21 Novembre 2021

Mettere in scena un testo operistico come Le convenienze ed inconvenienze teatrali di Gaetano Donizetti, che abbiamo seguito venerdì scorso in un nuovo allestimento proposto dal teatro municipale di Piacenza, significa confrontarsi con una doppia sfida, ma che è tale solo in apparenza.

Da un lato, infatti, l’originale farsa ideata dal compositore bergamasco per il Teatro Nuovo di Napoli nel 1827 – e poi rivista per la ripresa nello stesso teatro del 1831 – offre una struttura drammaturgica che, per quanto semplice e “classica” – sappiamo infatti come il profumo della satira operistica si respiri fin dai tempi del Teatro alla moda di Benedetto Marcello – rimane fresca e, di per sé, autonomamente compiuta. Dall’altro lato, ogni intervento in un’ottica di attualizzazione trova un naturale sbocco in quel giuoco di rimandi e riferimenti che, estrapolati dalla contemporaneità contingente della narrazione originaria, si presta a una contestualizzazione la più varia e fantasiosa possibile.

Ma questo agile lavoro di teatro musicale donizettiano rimane comunque materia da trattare con attenzione, per non rischiare di banalizzare una leggerezza di fondo che, assieme a un certo gusto per le parodie stilistico-musicali – godibilissimi certi tratteggi in stile barocco o rossiniano – appare quale elemento essenziale di questa partitura.

"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)
"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)

Un rischio che in questa occasione pare essere stato scongiurato grazie alla vivace affinità di intenti condivisa tra la lettura musicale spigliata di Giovanni Di Stefano alla guida dell’Orchestra Filarmonica Italiana, e la regia di Renato Bonajuto, efficacemente leggera nel gestire un palcoscenico abitato dalle scene funzionali di Danilo Coppola e dalle luci di Michele Cremona, dove i personaggi si muovevano con fresca naturalezza vestiti ora con vivace eleganza ora con surreale ironia dai costumi di Artemio Cabassi. Un contesto nel quale si è fatto apprezzare anche l'innesto delle coreografie firmate da Riccardo Buscarini e interpretate dai danzatori dell’Ensemble Capital Ballet con leggera simpatia.

Un impianto che ha seguito il filo rosso rappresentato dalla lettura drammaturgica attualizzante di Alberto Mattioli il quale, oltre a sparpagliare nel testo riferimenti a personaggi (Bartoli, Netrebko, Gheorghiu) e a usi e costumi (i social, i follower) del nostro tempo, si autocita con discreta eleganza come il giornalista che ha in testa due cose: “Verdi e i gatti”.

"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)
"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)

Così momenti come le arie di baule di Dorotea “Con tromba guerriera” dal Lucio Silla di Händel, e quella di Corilla “Arpa gentil” da Il viaggio a Reims di Rossini, si sono affiancati a parodie più godibilmente originali come la caricatura dell’aria di Desdemona “Assisa appiè d’un salice” dall’Otello dello stesso Rossini, divenuta in questa pagina donizettiana “Assisa a piè d’un sacco” per la voce maschile del ruolo en travesti al contrario di Mamma Agata.

A incarnare con bell’impegno i diversi personaggi abbiamo quindi trovato la simpatia del baritono Marco Filippo Romano, qui al debutto proprio nel ruolo di Mamma Agata, la voce spigliata del soprano Giuliana Gianfaldoni nei panni di Corilla, l’adeguato consorte Procolo interpretato da Nicolò Donini, il solido mezzosoprano scambiato per controtenore di Silvia Beltrami (Dorotea). Poi ancora Paola Leoci (Luigia, figlia di Mamma Agata), i sicuri Matteo Desole (Guglielmo, il tenore tedesco) e Andrea Vincenzo Bonsignore (Biscroma, il direttore d’orchestra), oltre a Stefano Marchisio (Prospero, il regista), Dario Giorgelé (il Sovrintendente) e Juliusz Loranzi (l’Ispettore).

"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)
"Le convenienze ed inconvenienze teatrali" (foto Cravedi/Verile)

Un spettacolo nel complesso piacevole, insomma, che ha meritato i convinti applausi rivolti alla fine dal pubblico presente a tutti gli artisti impegnati. Unica perplessità la presenza come ospite a sorpresa di Iva Zanicchi, il cui intervento ha interrotto l’azione per qualche minuto mentre, se proprio necessario, poteva essere inserito come cameo in una qualche forma drammaturgicamente più organica. Ma tant’è.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Conclusa con successo l’edizione 2021 del Donizetti Festival Opera, che ha proposto nuove produzioni de L’elisir d’amore e La fille du régiment e della rara Medea in Corinto del maestro Giovanni Simone Mayr

classica

Daniele Gatti e l’Orchestra Mozart in un variegato programma da Rossini a Stravinskij, da Aperghis a Mozart

classica

Il polacco Nesterowicz ha guidato con brillante essenzialità l’Orchestra Haydn tra pagine di Kilar, Górecki, Kodály, Bartók e Ligeti