Schwetzingen apre con Legrenzi

Il Festival di Schwetzingen apre con "Il Giustino" di Giovanni Legrenzi nella revisione critica di Thomas Hengelbrock, anche direttore. Assecondato da un ottimo gruppo di interpreti, il regista Nicolas Brieger racconta con misurata ironia la complessa trama del libretto di Nicolò Berengan. Pienamente convincente la prova del Balthasar-Neumann-Ensemble che ridà vita ad una delle partiture più di successo della seconda metà del Seicento veneziano.

Recensione
classica
Schwetzinger Festspiele Schwetzingen
Giovanni Legrenzi
26 Aprile 2007
Dal 1952, anno della sua fondazione, il Festival di Schwetzingen si è affermato come uno degli eventi musicali di rilievo sia per le creazioni che per le riscoperte ed il rilancio di capolavori del teatro barocco. Per l'edizione del 2007, Thomas Hengelbrock ha riproposto la versione originale veneziana del 1683 de "Il Giustino" di Giovanni Legrenzi, di cui ha anche curato la revisione critica. Per Hengelbrock si tratta di un ritorno, non tanto a Schwetzingen dove da più di 10 anni è di casa con il suo Balthasar-Neumann-Ensemble, ma a Legrenzi, di cui eseguì "La divisione del mondo" nel 2000. Da secoli scomparso dalle scene, "Il Giustino" ebbe un successo tale da essere seguito da revisioni (una firmata da Alessandro Scarlatti) e da vari rifacimenti di compositori come Albinoni, Vivaldi e Händel, che utilizzarono lo stesso sapiente libretto di Nicolò Berengan. Il regista Nicolas Brieger ne racconta con chiarezza e misurata ironia la complessa trama e le acrobazie amorose, passando dal registro drammatico a quello comico con cinematografica vitalità grazie anche all'estro della scenografa Katrin Nettrod e del costumista Jorge Jara. Lo asseconda nel gioco scenico un buon cast di interpreti che trova i suoi punti di forza nell'espressivo e preciso Giustino di Elisabeth Kulman, nel brillante contraltista "en travesti" Terry Wey come Andronico/Flavia, e nella sensuale Eufemia di Delphine Galou. Da parte sua, il Balthasar Neumann Ensemble offre una prova brillantissima grazie soprattutto all'incalzante e teatralissima conduzione di Hengelbrock, assai efficace nel valorizzare una partitura che ben figurerebbe nei repertori accanto alle relativamente più note versioni di Vivaldi e Händel. Calorosissima l'accoglienza del pubblico nel piccolo teatrino rococó di Schwetzingen.

Interpreti: Anastasio Georg Nigl Arianna Maya Boog Giustino Elisabeth Kulman Eufemia Delphine Galou Vitaliano Peter Kennel Andronico Terry Wey Amantio Hermann Oswald Polimante/Erasto Manfred Bittner Brillo Thomas Stache Fortuna / Allegrezza / Venere Marina Bartoli

Regia: Nicolas Brieger

Scene: Katrin Nottrodt; Luci Alexander Koppelmann

Costumi: Jorge Jara

Orchestra: Balthasar-Neumann Ensemble

Direttore: Thomas Hengelbrock

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Un programma apparentemente eterogeneo ma percorso da un (sottile) filo comune: il Mediterraneo  e l’Italia

classica

La conclusione della terza edizione del festival Purtimiro di Lugo, con Sogno Barocco e Concerto Italiano

classica

Perplessità per molti dei lavori di teatro musicale presentati nella rassegna veneziana curata da Ivan Fedele