In scena la Carmen della discordia

Dopo tre giorni di sciopero, finalmente in scena al Carlo Felice la Carmen di Bizet

Recensione
classica
Teatro Carlo Felice Genova
George Bizet
09 Maggio 2014
Una “Prima” anomala, al Carlo Felice. Dopo lo sciopero che ha bloccato le prime tre recite di “Carmen”, il debutto della nuova produzione dell’opera di Bizet è toccato alla recita per le scuole. Una folla di ragazzini ha affollato il Carlo Felice godendo, tra l’altro, del privilegio di essere gli unici a poter ascoltare il primo cast: le prossime recite infatti sono interamente affidate al secondo. Sul podio Andrea Battistoni ha garantito una lettura vibrante e appassionata con un buon equilibrio fra buca e orchestra. Quest’ultima ha risposto decisamente bene, così come il coro e il coro di voci bianche sul palcoscenico. Cast di sicura affidabilità. Sonia Ganassi ha dato di Carmen una interpretazione dinamica ed aggressiva, Francesco Meli si è confermato tenore di piacevole eleganza, Serena Gamberoni è risultata una delicata Micaela e Alexander Vinogradov, un robusto Escamillo. Completavano il cast con buone soluzioni Claudio Ottino, Roberto Maietta, Manuel Pierattelli, Francesca Tassinari e Margherita Rotondi. Il regista e scenografo Davide Livermore ha ambientato l’opera a Cuba trasformando la taverna di Lillas Pastia in un club elegante, la plaza de toro nella plaza della “revolution” e i toreri in rivoluzionari. Le scene sono belle, alcune soluzioni sono risultate divertenti, la scelta di privilegiare movimenti di danza ha garantito una verve teatrale inconsueta; tuttavia, molte trovate sono parse in netto contrasto con quel che dice il libretto e soprattutto, la sovrabbondanza di elementi scenico-drammaturgici ha finito spesso per distrarre lo spettatore dalla musica. Livermore, insomma, che è regista indubbiamente abile e pieno di idee, dovrebbe essere un po’ più parsimonioso nell’utilizzarle.

Interpreti: Sonia Ganassi, Serena Gamberoni, Francesco Meli, Alexander Vinogradov, Francesca Tassinari, Margherita Rotondi, Roberto Maietta, Manuel Pierattelli, Davide Mura, Claudio Ottino

Regia: Davide Livermore

Scene: Davide Livermore

Costumi: Gianluca Falaschi

Orchestra: Fondazione Teatro Carlo Felice

Direttore: Andrea Battistoni

Coro: Fondazione Teatro Carlo Felice

Maestro Coro: Pablo Assante - Gino Tanasini dir. Coro voci bianche

Luci: Davide Livermore

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Firenze il teatro del Maggio propone il capolavoro di Leonard Bernstein 

classica

All’Opéra du Rhin di Strasburgo riproposto dopo 158 anni il primo lavoro di Jacques Offenbach per l’Opéra Comique 

classica

Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia: un imprevisto iniziale ha fatto cominciare in ritardo il concerto, ma l’attesa è stata ripagata pienamente