Quei grandi degenerati

A Monte-Carlo Schoenberg, Schreker e Weill

Recensione
classica
Festival de Printemps de Monte-Carlo
07 Aprile 2013
Nella gabbia dorata per ricchi, il festival Printemps des Arts de Monte-Carlo propone un programma dal titolo “Musique dégénérée” (Entartete Musik): così il regime nazista definì le espressioni artistiche lontane da “l’arte tedesca di valore eterno” cioè le avanguardie “ebree, bolsceviche e negre”. In programma è anche "A Survivor from Warsaw" d’Arnold Schoenberg, composto nel 1947. Il pezzo più toccante è sicuramente quello di Schoenberg, dove parola (Mervon Mehta, nella foto, è vibrante voce recitante) e musica si coniugano in una tensione emozionate che raggiunge l’acme nel coro finale in ebraico. Momenti di grandi sensazioni ha donato il suono algido del violino di Frank Peter Zimmermann che ha interpretato magistralmente (grande perfezione tecnica) il Concerto di Paul Hindemith, seguito da Bach. Bis di siderale bellezza ma senza sentimento. L’Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo nuota in un mare che conosce bene, sempre precisa e con il giusto volume di suono: è diretta con brio da Lawrence Foster che interpreta preciso e con sentimento ed espressione il programma della serata che include anche la "Seconda sinfonia" di Kurt Weill, nella quale affiorano qui e là le melodie che sono delle opere del compositore, e l’eclettica "Ouverture Phantastique" di Franz Schreker, dove gli spunti lirici non mancano ma sembrano non decollare, e che anticipa tanta musica che sarà composta per Hollywood.

Note: Festval Pintemps des arts de Monte-Carlo

Interpreti: Mervon Mehta, narratore

Orchestra: Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo

Direttore: Lawrence Foster

Coro: Choeur d'hommes de l'Opéra de Monte-Carlo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

All’Oper Frankfurt interesse per l’opera di Richard Wagner, assente da qualche stagione

classica

Firenze: non convince la regia di Andrea Bernard

classica

Dopo Anversa l’Opera delle Fiandre porta a Gand Der Schmied von Gent, ultima opera di Franz Schreker