Piccola orchestra in un sassofono

Colin Stetson incanta Firenze con la sua performance in solo

Recensione
jazz
Musicus Concentus Firenze
18 Ottobre 2013
La Sala Vanni è gremita per il primo appuntamento della nuovissima rassegna ideata da Musicus Concentus, "Super Jazz". Sul palco, uno dei musicisti più trasversali degli ultimi anni: col suo sassofono basso Colin Stetson ha calcato le scene più importanti del mondo accompagnando star del rock come Arcade Fire e The National, passando per le collaborazioni con Laurie Anderson, David Byrne e Tom Waits, e arrivando fino al Mali con un progetto, forse meno conosciuto ma molto valido, dal nome [i]Sway Machinery[/i], con cui ha lavorato insieme alla diva del deserto Khaira Arby. Solo sul palco, Stetson propone un'ora di concerto tesa e potente, che permette di scoprire come quel gusto post-minimalista a cui ha abituato con la trilogia [i]New History Warfare[/i] venga offerto dal vivo in maniera vibrante, viscerale, fisica. Grazie a un incrocio di tecniche che includono respirazione circolare, tapping sulle chiavi e l'utilizzo di alcuni microfoni che permettono di amplificare anche il suo caratteristico canto/mugolio, Stetson dà alle composizioni una forza polifonica. Una piccola orchestra in cui si percepiscono echi di Philip Glass e John Surman, di un certo Garbarek, così come di alcune tessiture armoniche compatte che evocano addirittura i panorami algidi e sconfinati dei Sigur Rós. Ma al di là della musica, a tratti fin troppo ripetitiva, quel che conquista di Colin Stetson è la completa padronanza nel gestire gli strumenti, che diventano cosa sola col corpo, in una tensione costante fatta di soffio, tendini, ance e muscoli. Molto più dell'esecuzione dei brani presenti nei suoi dischi. Piuttosto, un'esperienza da vivere tutta d'un fiato - anche questo è jazz.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Allo Jumeaux Jazz Club di Losanna il quartetto di Émile Parisien in versione elettronica

jazz

La rassegna You Must Believe In Spring con Steve Lehman Sélébéyone, Mariasole De Pascali Fera e Tell Kujira

jazz

Si chiude l'ottima edizione 2024 del Torino Jazz Festival