Parodia d'opera

Bruxelles: "L'opera seria" di Gassmann

Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie
Gassmann
14 Febbraio 2016
Davvero poco è cambiato nel mondo dell'opera lirica se la sua parodia, a firma Gassmann e datata 1769, è ancora così attuale. Quanta ironia, quanta intelligenza, in questo lavoro riscoperto da Renè Jacobs nel 1994 e dallo stesso Jacobs ottimamente diretto per la stagione de la Monnaie, in collaborazione con la B'Rock Orchestra, in un nuovo allestimento che ben sfrutta lo spazio circolare del Cirque Royale. Patrick Kinmonth, che firma anche le belle scene e i costumi, riesce a far funzionare bene insieme i camerini degli artisti e il dietro le quinte delle prove come opera buffa, l'orchestra in mezzo, e un'opera seria nel palcoscenico sul palcoscenico. Il lavoro di Gassmann è stato infatti uno dei primi esempi di teatro nel teatro, e non a caso alla Monnaie ne seguirà un altro molto più conosciuto, quello dell'Adriana Lecouvreur. Ma il pubblico ha avuto qualche difficoltà a seguire tre ore e mezza di musica barocca e non pochi hanno abbandonato al secondo intervallo. Un vero peccato, oltretutto il terzo atto è il più scoppiettante d'invenzioni con le mamme che prendono il sopravvento. Ridere è un'arma per ispirare le riforme di un genere che si stava attorcigliando su se stesso dietro le bizze di castrati e dive. Bravissimo nelle note alte il tenore coltranteggiante Mario Zeffiri ad interpretare Ritornello, presa in giro dei castrati; perfetti per la parte anche il Marco Fink nel ruolo di Fallito, l'impresario , e Pietro Spagnoli in quello di Delirio, il librettista; non uniforme invece la prestazione di Thomas Walker come Sospiro, il compositore. E fra le protagoniste si distinguono Alex Penda come Stonatrilla e Robin Johannsen come Smorfiosa: Sunhae Im come Porporina recita bene, ha una voce agile però un po' troppo piccola per il ruolo. Divertensissime le mamme.

Note: Produzione La Monnaie

Interpreti: Marcos Fink (Fallito), Delirio (Pietro Spagnoli), Thomas Walker (Sospiro), Mario Zeffiri (Ritornello), Alex Penda (Stonatrilla), Robin Johannsen (Smorfiosa), Sunhae Im (Porporina), Nikolay Borchev (Passagallo), Stephen Wallace (Bragherona), Magnus Staveland (Befana), Rupert Enticknap (Caverna)

Regia: Patrick Kinmonth, Drammaturgia: Olivier Lexa

Scene: Patrick Kinmonth

Costumi: Patrick Kinmonth

Corpo di Ballo: Hanna Al-Bender, Trees Beckwe, Maxime Melnik, Kamil Ben Hsain Lachiri

Coreografo: Fernando Melo

Orchestra: Baroque Orchestra B’Rock e La Monnaie Symphony Orchestra

Direttore: René Jacobs

Luci: Andreas Grüter

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Semiramide firmata da Graham Vick e con la splendida direzione di Michele Mariotti sul podio dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ha inaugurato il Rossini Opera Festival

classica

A Drottningholm un riuscito allestimento dell’Ariodante di Händel con Ann Hallenberg protagonista

classica

A Festival della Valle d'Itria trionfo per Carmela Remigio come Ecuba e per un divertentissimo Matrimonio Segreto