L'Olandese "vola" a Cagliari

Successo per il Wagner che apre la stagione del Teatro Lirico

Recensione
classica
Teatro Lirico di Cagliari Cagliari
Richard Wagner
16 Aprile 2010
Il primo capolavoro della maturità di Wagner rivela ancora influenze esterne al romanticismo tedesco, in particolare per la suddivisione in “numeri”, per la vocalità chiaramente derivata da quella italiana e per una certa enfasi tipica del grand-opéra francese. Ma temi come quelli della maledizione, della redenzione grazie all’amore e dell’errare senza meta e senza sosta sono tipicamente romantici e anticipano motivi che verranno ripresi nel Lohengrin, nella Tetralogia e nel Parsifal. La realizzazione cagliaritana è stata eccellente sia dal punto di vista musicale sia da quello scenico. Ottima e assai omogenea la compagnia di canto, capace di rendere l’incontro di due mondi: quello “irreale” dell’Olandese e dei suoi marinai e quello “reale” del villaggio norvegese di Daland, Senta e Erik. Decisamente buone le prove del coro e dell’orchestra, ai quali Wagner affida un ruolo fondamentale nel descrivere quello che è stato definito un “nuovo spazio sonoro”. All’ottimo Marko Letonja va riconosciuto soprattutto il merito di aver messo in risalto fin dall’ouverture, che riassume assai bene il contenuto del dramma e che presenta i diversi temi che ritorneranno nei tre atti dell’opera, il sinfonismo della partitura wagneriana. Suggestiva la parte visiva dello spettacolo, con scene essenziali ma efficaci, rese drammaticamente vive e mobilissime, soprattutto nei momenti in cui la musica descrive l’oceano, il vento e la tempesta, da un uso musicalissimo delle luci. Che però non sono sufficienti, alla fine dell’opera, a descrivere ciò che immagini forse troppo “concettuali” lasciano soltanto intuire: Senta che da uno scoglio si getta nel mare in tempesta, il vascello dell’Olandese che si inabissa, le figure dei due amanti che abbracciati si librano nel cielo mentre sorge il sole.

Note: Allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, da una produzione originale dell'Opéra National de Bordeaux.

Interpreti: Gudjon Oskarsson (Daland), Adrienne Dugger (Senta), Giorgio Surian (L'Olandese), Thomas Piffka (Erik) Julia Oesch (Mary), Gianluca Floris (Il timoniere).

Regia: Francesca Zambello (ripresa da Stephen Taylor)

Scene: Alison Chitty

Costumi: Alison Chitty

Corpo di Ballo: ---

Coreografo: ---

Orchestra: del Teatro Lirico di Cagliari

Direttore: Marko Letonja

Coro: del Teatro Lirico di Cagliari

Maestro Coro: Fulvio Fogliazza

Luci: Rick Fisher (riprese da Philippe Almeras)

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Teatro del Maggio: le tre opere di Puccini dirette da Valerio Galli

classica

Händel per l’Oper Frankfurt al Bockenheimer Depot con la regia di R. B. Schlather

classica

Successo di pubblico per le sorelle Labéque, al Romaeuropa Festival insieme a Bryce Dessner e David Chalmin