L'erotismo di Puccini per Tosca

Londra: successo per Grigolo come Cavaradossi

Tosca (Foto C. Ashmore)
Tosca (Foto C. Ashmore)
Recensione
classica
Royal Opera House Londra
Tosca
30 Maggio 2019 - 15 Luglio 2019

Anche quest’anno il tradizionale allestimento di Tosca firmato da Jonathan Kent nell’ormai lontano 2006, torna al Covent Garden. Nessun segno di cedimento nell’impianto registico che resta funzionale al rapido e compatto svolgimento drammatico dell’opera. Molte le finezze interpretative come, ad esempio, l’inteso e prolungato sguardo che Tosca e Scarpia si scambiano sul finire dell’atto primo. Se qualche dubbio sulla natura del loro rapporto viene suscitato a questo punto, ogni ambiguità viene dissolta nella scena della tortura. L’odio incontenibile della cantatrice per il suo aguzzino si traduce infatti in una sorta di costante deformazione fisica, che Kristine Opolais  rende con grande efficacia. Vocalmente più a suo agio nelle parti liriche e cantabili che non nelle terribili invettive del secondo atto, la Opolais è credibile nella parte di Tosca proprio per le sue qualità attoriali. Il che ci ricorda come questo ruolo fosse uno dei favoriti delle gradi cantanti-attrici vissute a cavallo tra Otto e Novecento, come Eugenia Burzio o Emma Carelli. Lo Scarpia di Bryn Terfel, sadico e violento, si abbandona alla visceralità del suo personaggio ed esibisce una vocalità vicinissima alla declamazione. Notevoli i pregi della direzione musicale di Alexander Joel. L’atto primo è seduzione ed erotismo; i tempi sono estremamente fluidi, con un uso del rubato stupefacente in tempi moderni. Il vigore ritmico del secondo atto dà vita a quei tipici pieni sonori che raramente riescono a non eccedere la misura, e di cui Joel domina saldamente l’equilibrio. La dimensione onirica di inizio atto terzo, evocata con scrupolo, diventa realtà quando Vittorio Grigòlo attacca le prime frasi del suo ‘E lucevan le stelle’. Il Cavaradossi di Grigòlo è, sotto il profilo vocale, la creazione più convincente della serata: vivida, estremamente variegata nell’uso delle timbriche, mai artefatta. Il pubblico ne ha giustamente riconosciuto il merito.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Applausi per il pianista pisano che affronta la Nona di Beethoven nell’adattamento pianistico di Liszt

classica

Il coro del monastero Danilov di Mosca chiude il Festival di Musica e Arte Sacra di Roma

classica

A Perugia, per la Sagra Musicale Umbra, un concerto con un repertorio raramente eseguito in Italia