Il Sogno di Shakespeare e Mendelssohn ritorna a Parma

Successo per l’inaugurazione della nuova Arena estiva sul tetto del Teatro Due

Recensione
classica
Teatro Due Parma
Felix Mendelssohn Bartholdy
22 Giugno 2017

Con l’inizio dell’estate è andata in scena a Parma la commedia shakespeariana “Sogno di una notte di mezza estate” con le musiche di scena di Mendelssohn, allestita nell’originale spazio all’aperto della nuova arena estiva del Teatro Due, un anfiteatro a gradinate gremite dal pubblico richiamato dall’inaugurazione della prima stagione estiva di questo teatro. Nel febbraio 2010 avevamo già seguito una produzione del “Sogno”, allora proposto dal Teatro Regio sempre con la regia di Le Moli. Ora, nella dimensione all’aperto di questo nuovo allestimento la rappresentazione pare aver trovato un respiro drammaturgico più compiuto e organico, con la Filarmonica Toscanini al centro della scena impegnata a seguire il tracciato narrativo disegnato dalle peripezie dei diversi personaggi: Teseo e Ippolita, Oberon e Titania, Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio, oltre a tutti gli altri protagonisti di una vicenda che in questa dimensione rappresentativa ha trovato nell’ideale accoppiata testo-musica un canale espressivo capace di rapire il pubblico per le oltre due ore e un quarto di spettacolo. La musica di Mendelssohn è stata gestita con misura dalla direzione di Borgogelli, impegnato nel compito non scontato di tratteggiare il dialogo tra copione e partitura, particolarmente delicato in quei passaggi in cui la concomitanza tra parola recitata e commento sonoro davano forma compiuta agli stilemi del melologo. Una dimensione narrativa che ha portato il testo – nell’efficace traduzione di Luca Fontana – ad accompagnarci in quel panorama favolistico che rappresenta il nucleo di questa commedia, assecondato dai fascinosi colori mendelssohniani, che hanno saputo affascinare anche in questo frangente un pubblico che alla fine ha salutato con appalusi convinti tutti gli artisti impegnati.

Note: Co-produzione Fondazione Arturo Toscanini e Fondazione Teatro Due

Interpreti: Cantanti: Elena Bakanova (soprano), Aurora Faggioli (mezzosoprano). Attori: Emanuele Vezzoli (Oberon, Teseo), Paola De Crescenzo (Titania, Ippolita), Federica Vai (Ermia), Ilaria Falini (Elena), Francesco Gerardi (Demetrio), Davide Gagliardini (Lisandro), Paolo Bocelli (Egeo), Massimiliano Sozzi (Filostrato), Luca Nucera (Puck), Cristina Cattellani (Grande Fata), Gigi Dall’Aglio (Peter Quince, prologo), Nanni Tormen (Nick Bottom, Piramo), Massimiliano Sbarsi (Tom Snout, Muro), Carlo Sella (Francis Flute, Tisbe), Dino Lopardo (Snug, Leone), Gabriele Gattini Bernabò (Robin Starveling, Chiarodiluna), Giulia Pizzimenti, Silvia Lamboglia, Veronica Niccolini, Luisa Mineo (fate al servizio di Titania).

Regia: Walter Le Moli

Costumi: Gianluca Falaschi

Orchestra: Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini

Direttore: Noris Borgogelli

Coro: Coro giovanile Ars Canto

Maestro Coro: Gabriella Corsaro

Luci: Claudio Coloretti

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Splendida direzione di Mariotti e buon cast. Livermore questa volta sorprende con una regia semplice e intimista, quasi

classica

Successo per l’efficace Tamerlano con la direzione di Ottavio Dantone e la regia di Stefano Monti

classica

Trieste: regia di Brockhaus