Il Re e il Profeta, una guerra di religione

Il Massimo di Palermo inaugura la stagione 2005-2006 con "Re Ruggero" di Karól Szymanowski, opera senza dramma che intreccia mito e visione religiosa

Recensione
classica
Teatro Massimo Palermo
Karel Szymanowski
13 Novembre 2005
Krysztof Zanussi, quando mise in scena "Re Ruggero" al Teatro Massimo nel '92, voleva farne un film nei luoghi in cui lo stesso Karól Szymanowski aveva ambientato l'opera, che risale al 1924: la Cappella palatina e il cortile di Palazzo Chiaramonte di Palermo, il teatro greco di Segesta. Zanussi non aveva torto, perché l'ossatura drammatica del "Re Ruggero" è più quella di un mélo simbolista che di un'opera teatrale in senso stretto. Non c'è azione, né percorso drammatico, nonostante l'opera si rifaccia in qualche modo alle "Baccanti" di Euripide: la trama, concepita inizialmente da Jaroslaw Iwaskiewicz (con profondi apporti dello stesso Szymanowski), è tutta centrata sul conflitto tra il mito dionisiaco e quello apollineo, ma con una profonda implicazione religiosa che Szymanowski, di formazione cattolica, interpretò come il tormentato confronto tra dottrine. Il regista Yannis Kokkos, autore anche di scene e costumi di questo nuovo allestimento creato dal Massimo per aprire la stagione 2005- 2006, coglie questo aspetto dicotomico e lo sottolinea con forza, caratterizzando Ruggero-Apollo come un monarca austero, ma consapevole dei limiti di un potere che si rivelerà inevitabilmente "temporale", e il Pastore-Dioniso come profeta "cristico", che trascina le folle verso un credo in cui è centrale il rapporto profondo dell'Uomo con sé stesso. Il contesto scenico è essenziale e lascia ogni aggiunta alla potenza evocativa della scrittura di Szymanowski, che in quest'opera raggiunge complessità degne di Skrjabin. Centrato il cast di voci polacche (con menzione per Ruggero e Roksane) e bella prova per il direttore stabile Jan Latham-Koenig, alle prese con una partitura irta di difficoltà che sia l'orchestra sia il coro del Massimo fronteggiano senza inciampi.

Note: Nuovo allestimento

Interpreti: Król Ròger: Wojtek Drabowicz (13,16,18,20,22), Leszek Skrla (15,17,19); Roksana: Elzbieta Szmytka (13,16,18,20,22), Simona Mihai (15,17,19); Edrisi: Roy Stevens; Pasterz: Ludovit Ludha (13,16,18, 20, 22), Donald George (15,17,19); Archiereios: Daniel Borowski; Dyakonissa: Agnes Zwierko

Regia: Yannis Kokkos; Luci Guido Levi

Scene: Yannis Kokkos

Costumi: Yannis Kokkos

Corpo di Ballo: Corpo di ballo della Fondazione Teatro Massimo

Coreografo: Giovanni Di Cicco

Orchestra: Orchestra della Fondazione Teatro Massimo

Direttore: Jan Latham-Koenig

Coro: Coro e Coro di voci bianche della Fondazione Teatro Massimo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo al San Carlo di Napoli per l'opera di Janacek diretta da Valcuha

classica

Inaugurazione dell’Opera di Roma con un nuovo allestimento ambientato nel ventennio fascista

classica

Mariotti si congeda dal Teatro Comunale dirigendo Don Giovanni