Il più incredibile pianista in circolazione

Craig Taborn a Venezia per il secondo appuntamento del San Servolo Jazz Meeting

Recensione
jazz
San Servolo Jazz Meeting Venezia
14 Novembre 2013
La risposta è Craig Taborn. A quale domanda? Alla più oziosa delle domande da bar jazz: chi è il più incredibile pianista in circolazione? Oziosa poi fino a un certo punto. Perché Craig Taborn è davvero il più incredibile pianista in circolazione. Un sentore fino a un paio d’anni fa (ricordate l’epifania di [i]Junk Magic[/i]?); una certezza da quando l’ECM si è appuntata sul petto il doppio merito di aver dato alle stampe l’esordio del trio con Thomas Morgan e Gerald Cleaver, [i]Chants[/i], e qualche mese prima il solo [i]Avenging Angel[/i]. Dischi da consumare (e infatti consumati). Istantanee di un pensiero musicale impossibile da circoscrivere, una visione in continuo e costante divenire. Taborn il cercatore ha sempre qualcos’altro da dire. Lo ha dimostrato, per l’ennesima volta, durante la sua ultima apparizione italiana: a Venezia, per il secondo appuntamento del San Servolo Jazz Meeting. Sul palco il pianista e il pianoforte. Un’ora abbondante in solo da levare il fiato: per la vastità, la ricchezza, l’implacabile lucidità dell’improvvisare. Ottantotto tasti e dieci dita. Dentro un universo: il senso dell’architettura tipicamente “elettronico” (pattern, reiterazioni, piccoli sfasamenti), la storia del piano jazz (da Fats Waller a Cecil Taylor, passando per la gershwiniana “But Not for Me”), i rimandi alla vecchia Europa e alle accademie novecentesche. Il tutto snocciolato con un rigore narrativo stupefacente. Non a caso, nella conversazione con Veniero Rizzardi pre-concerto, lo stesso Taborn ha parlato di “free composition”. Un ossimoro soltanto all’apparenza, perché gli esiti migliori del jazz dei giorni nostri passano appunto dall’incontro-scontro tra improvvisazione e composizione. E Craig Taborn, dei giorni nostri, è il più incredibile pianista in circolazione.

Interpreti: Craig Taborn (pianoforte).

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

L’artista britannico con la sua band suona al Monk per il Roma Jazz Festival

jazz

Jazzfest Berlin 2022, quarantatré concerti in quattro intense giornate di musica, indagando le varie anime del jazz di ricerca

jazz

Trentacinquesima edizione per il festival di Losanna, in cerca del "jazz"