Il fuoco di "Guillaume Tell"

A Bruxelles incanta l'opera in concerto con Nicola Alaimo e Michael Spyres

Evelino Pidò
Evelino Pidò
Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie
Gioachino Rossini
02 Marzo 2014
Preannunciato come "un fuoco d'artificio vocale", il "Guillaume Tell" in forma di concerto proposto dal Teatro della Monnaie di Bruxelles, con un cast di voci di primissimo ordine, è stato innanzitutto un'emozionante prova collettiva, grazie alla direzione trascinante del maestro Evelino Pidò e al coro in stato di grazia e ben preparato da Martino Faggiani. Il baritono palermitano Nicola Alaimo si è confermato un Guglielmo Tell sicuro dei suoi mezzi vocali, preciso, maturo e grave nell'interpretazione di un eroe che si ribella sì con impeto e fermezza al potere oppressore, ma che sa pure mostrare con grande delicatezza il dramma di un padre costretto a puntare la sua balestra verso il suo stesso giovane figlio. Applausi, anzi alla fine una vera e propria ovazione, per tutti, ma in particolare per Michael Spyres nei panni di Arnold, il tenore statunitense si è fatto subito amare da tutta la sala per scorrevolezza e piacevolezza del canto, è stato la rivelazione della serata, ha dato il massimo e il pubblico gli ha risposto con entusiasmo per una interpretazione che è stata una complessiva prova di bravura ma sopratutto di elegante e toccante bellezza. Indubbie capacità vocali poi quelle del soprano albanese Ermonela Jaho, una Mathilde però in alcuni passaggi un po' troppo sottolineata, quasi isterica, al suo debutto nel ruolo. Quattro ore passano veloci ma dense, Guillaume Tell si è confermato godibilissimo anche in forma di concerto per la ricchezza della partitura che l'Orchestra della Monnaie ha saputo rendere sotto la direzione di Pidò con le giuste sfumature d'energia. Bravi tutti gli altri interpreti, in particolare il mezzosoprano francese Nora Gubish, un'intensa Hedwige, e il soprano belga Isse Eerens, fresca e luminosa nei panni del giovane figlio di Tell.

Note: Produzione La Monnaie

Interpreti: Nicola Alaimo (Guillaume Tell), Nora Gubisch (Hedwige), Ilse Eerens (Jemmy), Ermonela Jaho (Mathilde), Michael Spyres (Arnold), Jean Teitgen (Melchtal), Vincent Le Texier (Gessler), Marco Spotti (Walter Furst), Julien Dran (Ruodi), Jean-Luc Ballestra (Leuthold), Roberto Covatta (Rodolphe)

Orchestra: de La Monnaie

Direttore: Evelino Pidò

Coro: de la Monnaie, Vocaal Ensemble Reflection

Maestro Coro: Martino Faggiani

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Festival Pontino un concerto del pianista Alfonso Alberti dedicato a musiche ispirate alla Divina Commedia, tra cui un rarissimo brano dell’ultimo dei Caetani

classica

Lo spettacolo con la regia di Daniele Abbado e la direzione di John Axelrod

classica

Macerata festeggia i 100 anni dello Sferisterio come teatro lirico