Il Faust inedito seduce Parigi

L’opera di Gounod in versione originale e inedita presentata con successo dal Palazzetto Bru Zane al Théâtre des Champs-Elysées

Faust, Bru Zane, Champs Elisees
Faust a Parigi (foto di Amèlie Debray)
Recensione
classica
Théâtre des Champs-Elysées, Parigi
Faust
14 Giugno 2018

Un altro Faust di Gounod, con più spazio per Siebel, Wagner e Marthe, con altre arie, cori, duetti e con i dialoghi parlati: è il vero Faust? Difficile dirlo, in ogni caso, è un Faust fascinosissimo che aggiunge un tassello in più alla conoscenza del compositore e del suo amato personaggio tratto da Goethe.

Il merito della riscoperta è del Palazzetto Bru Zane che dedica quest’anno il Festival (a Venezia e a Parigi) a Charles Gounod nel bicentenario della morte. Così al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi è stata eseguita in forma di concerto la versione originale e inedita del Faust del 1859. Le sorprese sono tante: un terzetto nel primo atto con Faust, Siebel e Wagner, Valentin canta un duetto della separazione con la sorella, Méphistofélès canta “Maitre Scarabée” e non “Le veau d’or”, Siebel ha una seconda aria, Valentin canta “Chaque jour, nouvelle affaire” (“Avaint de quitter ces lieux” venne scritta per ua ripresa al Covent Garden). Insomma, un patrimonio musicale interessantissimo e che contribuisce a rendere ancora più ricca la partitura e poi, soprattutto, a farci conoscere di più i personaggi sono i dialoghi parlati che poi vennero soppressi.

Non sarà facile tornare al Faust “tradizionale” perché qui Méphistofélès è più ironico e meno diabolicamente feroce e attorno a lui Siebel, Marthe e Wagner assumono un altro spessore. Christophe Rousset alla guida dei Talens Lyriques e del Choeur de la Radio flamande affronta con energia e amore questa splendida partitura: difficile dimenticare il toccante attacco del terzo atto e le campane finali! La compagnia è ottima (Veronique Gens è Marguerite, Juliette Mars è Sibel, Jean-Sébastien Bou è Valentin) e ha in Benjamin Bernheim (Faust che cesella un “Salut demeure" di classe) e Andrew Foster-Williams (Méphistofélès irresistibile) le due punte di diamante. Da tenere d’occhio il giovane baritono Anas Séguin (Wagner) e una menzione speciale va alla spiritosissima Ingrid Perruche (Marthe). Successo trionfale.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Scala: delude la regia di Frederic Wake-Walker per l'opera di Strauss, applausi al cast e al direttore Franz Welser-Möst. In un cameo c'è anche il sovrintendente Pereira

classica

Dopo l’Orlando furioso, il direttore Diego Fasolis e il regista Fabio Ceresa presentano la Dorilla in Tempe al Teatro Malibran di Venezia 

classica

Per la prima volta a Copenhagen Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Händel in una versione scenica firmata da Ted Huffmann