I conflitti di Nabucco

A Cremona con la regia di Andrea Cigni

Recensione
classica
Teatro Ponchielli Cremona
Giuseppe Verdi
16 Novembre 2014
Il conflitto interiore. Tra un dover essere e un voler essere. Non il re, la regina, il guerriero, il sacerdote ma il padre, la figlia illegittima, l’amante, il saggio. Andrea Cigni, regista toscano ma cremonese d’adozione, preferisce vedere così i personaggi del suo Nabucco, nuovo allestimento per la Lirica 2014 del Teatro Ponchielli di Cremona. Sempre più a suo agio nel teatro d’opera verdiano Cigni è regista maturo in grado di leggere in profondità la psicologia dei personaggi verdiani. L’ambientazione è storica. La scenografia, essenziale e minimalista, è libera da arredi o elementi simbolici ingombranti. Solo un cavallo per Nabucco, che si trasformerà in un dio da venerare. Fuoco e fulmini sono effetti speciali riuscitissimi che stupiscono il pubblico e divertono come è giusto che sia. Personaggi e Coro del Circuito Lirico Lombardo (preparato con cura esperta da Antonio Greco merita applausi e bis nel Va’ pensiero) si muovono in uno spazio fisso, tra le pareti di un palazzo-tempio, stanza della memoria in cui i protagonisti vivono il loro dramma. Umano, personale. La follia di Nabucco, Paolo Gavanelli, domina la scena nella seconda parte. È la follia di un re-uomo smarrito nella sconosciuta dimensione di comune mortale. Abigaille (Tiziana Caruso) voce potente e drammatica, incarna efficacemente il ruolo di donna furiosa col mondo e consumata dal suo dramma. Insomma: applausi meritati per tutto il cast. Enrico Iori (Zaccaria), Raffaella Lupinacci (Fenena) Gabriele Mangione (Ismaele)… Marcello Mottadelli dirige l’orchestra I Pomeriggi Musicali con una cura quasi “maniacale” dei particolari. E tutto a memoria! Sentiamo la cura in un passaggio del violoncello, in una volatina del flauto o nel Va’ pensiero, pensato come un lungo respiro dalla prima all’ultima nota.

Note: Nabucco, dramma lirico in quattro parti Libretto di Temistocle Solera; Musica di Giuseppe Verdi Cremona, Fondazione Teatro “Amilcare Ponchielli” 16 novembre 2014 ore 15.30 Nuovo allestimento Credits: Eleni Albarosa (Nabucco e Abigaille); Alessia Santambrogio (Nabucco a cavallo)

Interpreti: Personaggi e interpreti: Nabucco Paolo Gavanelli; Abigaille Tiziana Caruso; Zaccaria Enrico Iori; Ismaele Gabriele Mangione; Fenena Raffaella Lupinacci; Il Gran Sacerdote di Belo Antonio Barbagallo; Abdallo Giuseppe Distefano; Anna Sharon Zhai.

Regia: Andrea Cigni

Scene: Emanuele Sinisi

Costumi: Simona Morresi

Orchestra: Orchestra I Pomeriggi Musicali

Direttore: Marcello Mottadelli

Coro: Coro del Circuito Lirico Lombardo

Maestro Coro: Antonio Greco

Luci: Fiammetta Baldiserri

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo al San Carlo di Napoli per l'opera di Janacek diretta da Valcuha

classica

Inaugurazione dell’Opera di Roma con un nuovo allestimento ambientato nel ventennio fascista

classica

Mariotti si congeda dal Teatro Comunale dirigendo Don Giovanni