Hosokawa a Berlino

Festival Infektion parte II

Recensione
classica
L’ultimo appuntamento di Infektion 2015 ha riguardato la ripresa di ‘Matsukaze’ di Toshio Hosokawa, che aveva debuttato già nel 2011 alla Staatsoper: Hosokawa aveva proposto due anni dopo, per il festival berlinese, un altro titolo di teatro musicale tratto da un testo No giapponese, ma stavolta di Mishima (‘Hanjo’), e perciò sembra esserci una precisa strategia drammaturgico-musicale destinata a realizzare un ciclo, che – complici le autorevoli firme registiche cui gli allestimenti sono stati affidati – sembra aver destato molto interesse nel pubblico. Lo spunto narrativo è esilissimo: un monaco buddista s’imbatte, sulla riva del mare, in un pino sul quale è affisso il ricordo dell’amore irrisolto di due donne (tra cui Matsukaze) per un uomo lontano; le due donne e la loro casa di gesso riappaiono, finché tutto non si rivela un sogno. La pièce è definita opportunamente ‘opera coreografica’, dato che il ruolo delle azioni coreografiche che Sasha Waltz tesse per tutta la durata è tutt’altro che ornamentale (anche se esse parlano un linguaggio più spesso assoluto che referenziato simbolicamente alla storia), e gli stessi cantanti in scena sono chiamati a prendervi; inoltre, i corpi si dispongono spesso a formare o completare le essenziali scenografie, e lo stesso elemento sonoro tace o si ritrae a funzione di effetto-sfondo, per lasciare in primo piano i disegni coreografici (sempre interessanti e semplici, complessi e armoniosi nello stesso tempo).

La musica di Hosokawa conferma qui il suo orientamento a una sintesi timbrica e temporale tra caratteristiche euroccidentali e orientali, il cui luogo privilegiato è naturalmente la scrittura strumentale; sul piano vocale, le due componenti rimangono invece distinte, con lo scopo di caratterizzare diversamente la vocalità rituale del monaco, e quella più slanciata e lirica della coppia femminile. Il risultato complessivo è di indubbio fascino, tra il visionario e il meditativo, con momenti di grande magia teatrale (i corpi fluttuanti nel vuoto, la pioggia di aghi di pino…) e un’integrazione cangiante (ora illustrativa, ora contrappuntistica) tra componenti sonoro-musicali e scenico-visive. Il pubblico che gremiva lo Schiller Theater ha lungamento applaudito alla fine gli interpreti (le voci soliste di Barbara Hannigan, Charlotte Hellekant, Frode Olsen e Kai-Uwe Fahnert, il Vocalconsort Berlin, la Staatskapelle Berlin diretta da David Robert Coleman, i danzatori di Sasha Waltz & Guests).

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy