Harnoncourt omaggiato a Berlino

Alla Konzerthaus con Concentus Musicus Wien

Recensione
classica
Konzerthaus Berlin
19 Ottobre 2014
Nikolaus Harnoncourt, esploratore della musica antica e barocca e uno dei pionieri della prassi esecutiva storica, il prossimo 6 dicembre compirà 85 anni. I suoi concerti fuori dall'Austria ormai sono diventati rari, motivi età e salute. In una specie di "anteprima" a un omaggio dedicatogli a novembre dalla Konzerthaus di Berlino domenica sera ha diretto il suo ensemble Concentus Musicus Wien in un concerto tutto esaurito, dedicato interamente a Wolfgang Amadeus Mozart. Alla guida della sua compagine "storica", fondata nel 1953, Harnoncourt ha interpretato la "Serenata Haffner" KV 250 in maniera fresca ed estrosa, rivolgendosi prima al pubblico con delle spiegazioni piene di umorismo. Mozart scrisse il brano nel 1776 appena ventenne, in occasione del matrimonio della figlia di Sigmund Haffner, sindaco di Salisburgo. Assieme agli otto movimenti della Serenata, nella quale si alternano danze allegri e galanti con movimenti malinconici e pensierosi, è eseguita la Marcia KV 249. Grandi applausi, anche per il bravissimo violino solo, Erich Höbarth. Segue la Sinfonia Linz, opera di un Mozart più maturo e che sembra ispirarsi alle sinfonie di Joseph Haydn. I musicisti, seguendo i gesti misurati e precisi del loro direttore, dimostrano una dimestichezza perfetta con Mozart, maturata in tanti anni passati con Harnoncourt. Dal 7 al 16 novembre la Konzerthaus omaggerà il direttore austriaco con una serie di concerti, proiezioni di film e una mostra. Il festeggiato sarà presente il 10 novembre con i Wiener Philharmoniker. All'omaggio parteciperanno inoltre il pianista Rudolf Buchbinder, la Konzerthausorchester Berlin con il suo direttore artistico Iván Fischer e con Giovanni Antonini, l'ensemble "La Venexiana" guidato da Claudio Cavina e altri artisti.

Orchestra: Concentus Musicus Wien

Direttore: Nikolaus Harnoncourt

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Con un trascinante Daniele Gatti sul podio, trionfo al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino per Tosca anni ‘30 con la regìa di Massimo Popolizio dichiaratamente ispirata al Conformista di Bernardo Bertolucci

classica

All’Oper Frankfurt un nuovo allestimento dell’opera wagneriana con la direzione di Thomas Guggeis e la regia attualizzante di Matthew Wild

classica

Allo Staatstheater di Mainz un nuovo allestimento dell’opera di Kaija Saariaho ispirata alla breve ma intensa vita di Émilie du Châtelet