Geometrie in scena

Grande successo a Linz per la prima assoluta della nuova opera di Philip Glass.

Recensione
classica
Theater Linz
Philip Glass
20 Settembre 2009
Dopo Einstein e Galileo è il turno di Keplero. Philip Glass prosegue a raffinare un genere che potremmo definire “Opera scientifica”. Il soggetto di “Kepler”, infatti, non è la biografia dell’astronomo tedesco, ma il suo pensiero matematico-astronomico e il contesto storico del suo operare (i conflitti religiosi e la Guerra dei trent’anni). L’opera è stata commissionata da “Linz capitale europea della cultura 2009”, città in cui Keplero passò più di 20 anni della sua vita. Lo scienziato, interpretato con sicurezza da Martin Achreiner, è l’unico personaggio dell’opera, anche se intorno a lui ruotano sei solisti che ne sono l’alter ego e ne illustrano le teorie. Il libretto, in tedesco e latino, consiste di citazioni di Keplero e di poesie del suo contemporaneo Gryphius. Nel trattare i testi, però, Glass (questa e la sua prima opera in tedesco) crea linee musicali che si scontrano di continuo con gli accenti linguistici. Le due ore di musica, da cui spesso affiora una monumentalità che è forse dettata dalle circostanze della commissione, non sono delle più ispirate. Un lavoro particolare sulle percussioni e sugli sfasamenti ritmici e metrici non bastano a togliere la sensazione di ascoltare una musica che negli anni non si è ricontestualizzata. È bravo il coro a creare attraverso lunghi archi dinamici intensità e tensione drammatica. Agli orchestrali manca invece la dovuta scioltezza, e molti passaggi risuonano rigidi e legnosi. La regia di Missotten è la parte più innovativa della serata. Sfrutta in modo peculiare gli ausili tecnologici (proiezioni, giochi di luce) e crea sulla scena, nonostante l’estrema economia di mezzi, l'impressione di un movimento perpetuo, astratto e geometrizzato.

Interpreti: Martin Achrainer Cassandra McConnell Alaine Rodin Cheryl Lichter Karen Robertson Katerina Hebelkova Elsa Giannoulidou Pedro Velázquez Díaz Iurie Ciobanu Isaac Galán Seho Chang Nikolai Galkin Florian Spiess

Regia: Peter Missotten

Scene: Peter Missotten

Costumi: Karel van Laere

Orchestra: Bruckner Orchester Linz

Direttore: Dennis Russell Davies

Coro: Coro del Landestheater Linz

Maestro Coro: Georg Leopold

Luci: Peter Missotten

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

In provincia di Udine un'associazione organizza serate di contemporanea per 20 persone, nel salotto di una villa

classica

A Mannheim Anna Viebrock allestisce La chute de la maison Usher di Claude Debussy come un’installazione sul tema (anche) della paura 

classica

Successo al Teatro Regio di Parma per le Variazioni Goldberg del pianista iraniano