Gallo d'oro da applausi

A Bruxelles una regia di Laurent Pelly curatissima ed efficace

Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie Bruxelles
Nikolaj Rimskij-Korsakov
18 Dicembre 2016

La musica scorre fluida, vivida e avvolgente con le affascinanti sonorità orientaleggianti di Rimsky-Korsakov che il direttore Alain Altinoglu sa far esprimere, là dove occorre, con la giusta soavità oppure con più vitale energia o pesantezza. L’allestimento invece è grigio, spoglio, minimalista, dominato da un grande letto oppure da una tenda-nassa – quest’ultima idea assai interessante per esprimere il luogo dove la regina “cattura” lo zar. Nel Gallo d’oro firmato da Laurent Pelly i colori accesi e i decori della Russia esotica suggeriti dalla musica non si ritrovano più nel decor e nei costumi, che il regista declina invece in tristi sfumature di grigio, al massimo d’argento per le vesti della zarina: in scena è rappresentata la stupidità, che è grigia, per l’egoismo e ottusità del potere e del popolo. L’ironia di un racconto presentato come una fiaba è così esaltata deprivandola di colore: solo gli animali, sia il gallo d’oro che il paggagallo, splendono di giallo e di rosso – se si eccettuano le lampadine rosse che illuminano, ma solo per qualche istante di emozione, la nassa. I movimenti in scena sono curatissimi, ogni personaggio ha il suo preciso modo d’essere, tutto il cast è impegnato a fondo, si fanno notare, più che i protagonisti, per la giusta estensione di voce il tenore alto Alexander Kravets, nel ruolo dell’Astrologo, e Agnes Zwierko, nelle vesti – assai divertenti - della governante Amelfa, dal bel timbro e molto apprezzabile in particolare nelle note più basse. Così come assai godibili sono le cameriere rappresentate come operaie, altra idea interessante, e in generale tutto il coro ben integrato, così come il gruppo degli artisti di complemento. Un gran lavoro, da applauso, tirando le somme, sicuramente per regista e direttore.

Interpreti: Lo Zar Dodon (Pavlo Hunka), Lo Zarevič Gvidon, (Alexey Dolgov), Lo Zarevič Afron (Konstantin Shushakov), Il generale Polkan (Alexander Vassiliev ), La governante Amelfa (Agnes Zwierko), L'astrologo (Alexander Kravets), La Zarina di Šemacha (Venera Gimadieva), Il gallo d'oro (Sheva Tehoval)

Regia: Laurent Pelly

Scene: Barbara de Limburg

Costumi: Laurent Pelly, Jean-Jacques Delmotte

Coreografo: Lionel Hoche

Orchestra: La Monnaie Symphony Orchestra

Direttore: Alain Altinoglu

Coro: La Monnaie Chorus and Choir Academy

Maestro Coro: Martino Faggiani

Luci: Joël Adam

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo per il concerto di Lawrence Brownlee e Michael Spyres

classica

Questa “serenata” è una pietra miliare nella storia dell’opera, ma non è tra i capolavori di Porpora

classica

L’ultima opera di Alessandro Scarlatti presentata a Martina Franca in un’esecuzione musicale di alto livello