A Firenze vola la Rondine di Puccini

Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino un Puccini negletto e tutto da riscoprire
 

Firenze, La Rondine di Puccini al Maggio
Recensione
classica
Firenze, Teatro del Maggio
La Rondine
22 Ottobre 2017

A Firenze non si era mai data, la Rondine, e questa singolare digressione pucciniana è arrivata qui a un secolo dalla prima a Montecarlo. Mentre i giovani e i loro maestri, i Marinetti, Boccioni, Ungaretti, Wittgenstein, Mann, Ravel, sono in guerra, in trincea o nelle retrovie, l'anziano Puccini fa la Rondine, e basterebbe questo a rendercela cara, questa elegante e vaporosa negazione, espressa in forma di commedia sentimentale dalla conclusione amara, in cui la cortigiana Magda né si immola come Violetta, né si redime a madre di famiglia, ma ritorna alla vita di prima lasciando Ruggero, il vero amore.

Conclusione, il terzo atto, che forse è davvero un po' debole, come sempre si dice, ma intanto abbiamo assaporato una variante diversa del linguaggio del Puccini anni Dieci, il migliore, perle di sapienza musicale e teatrale come l'incantevole finale del primo atto con il rito di vestizione della cameriera Lisetta a beneficio del suo amato poetino Prunier. La regìa, scene, costumi e luci di Denis Krief proponevano una piacevolissima ambientazione anni Sessanta, novella Belle Epoque di ricchezza e gioia di vivere, con assetti minimalisti, oltre che piacevoli, chiari e ordinati.

Protagonista splendida, misurata ma intensa, era Ekaterina Baganova, e a farle da contraltare come piccante soubrette, non meno convincente, la Lisetta di Hasmik Torosyan, ma bene tutto il cast, a cominciare da Matteo Desole (Ruggero) e Matteo Mezzaro (Prunier), anche se il Teatro del Maggio è forse un po' grande e sonoro per questa partitura che chiederebbe più sfumature al canto di conversazione. Ma l'orchestra era condotta con efficienza da Valerio Galli, e ottima la prestazione musicale e scenica del coro istruito da Lorenzo Fratini. Teatro pieno, successo ottimo e prolungato.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Applausi per il pianista pisano che affronta la Nona di Beethoven nell’adattamento pianistico di Liszt

classica

Il coro del monastero Danilov di Mosca chiude il Festival di Musica e Arte Sacra di Roma

classica

Andrea De Carlo ha diretto Amare e fingere al Festival Barocco Alessandro Stradella