Evviva, Pollicino non si fa mangiare dall'orco!

Nella messa in scena di Daniele Abbado, la favola per musica di Henze conquista ancora bambini e adulti

Recensione
classica
Musica per Roma Roma
Hans Werner Henze
04 Maggio 2001
Dopo le recite di "Pollicino" organizzate da Musica per Roma per le scuole, sono iniziate quelle aperte al pubblico "normale". E anche gli adulti, come i bambini, hanno applaudito questa "favola per musica", scritta più di vent'anni fa da Henze per coinvolgere attivamente - secondo lo spirito del Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano da lui fondato - un'intera comunità nella realizzazione d'uno spettacolo: certamente nella piccola Montepulciano questo sogno rinascimentale era meno utopico che a Roma, dove "Pollicino" è solo uno dei tanti spettacoli che vanno in scena ogni sera, ma per lo spettatore il risultato è molto godibile. Daniele Abbado racconta questa fiaba in un palcoscenico vuoto (l'unica scenografia sono gli strumentisti, disposti su tre lati in tribune di legno), facendola rivivere con una serie di soluzioni divertenti e fantasiose, senza cadere nel grazioso e nell'infantilistico, anzi sottolineandone i lati duri, spaventosi, crudeli. Si segue dunque con simpatia (in entrambi i significati: divertimento e partecipazione) la piccola ma terribile avventura di Pollicino, che diventa il simbolo d'una "infanzia ingannata e delusa, che solo con le proprie forze troverà il riscatto". Accanto ai bambini (nella recita cui ci si riferisce Pollicino era il piccolissimo Stefano Natale) cantano nei ruoli degli adulti i partecipanti al Laboratorio Voci in Musica, un corso di perfezionamento per giovani cantanti che abbiano già qualche esperienza di palcoscenico: per le esigenze di "Pollicino" vanno benissimo, ma il loro materiale vocale è preoccupantemente modesto. Dovendo fare qualche nome, si possono citare, più per le qualità di attori che di cantanti, Suren Shakhijanyan e Karine Godefroy, l'orco e sua moglie. La parte strumentale è semplice (molte le citazioni di filastrocche infantili e di canzoni popolari) in rapporto alla abituale complessità della scrittura di Henze, ma non semplicissima, e gli allievi del Conservatorio di Santa Cecilia non hanno avuto alcun problema sotto la direzione attenta e puntuale di Claire Gibault, una specialista del far musica con i giovanissimi.

Note: nuovo all.

Interpreti: Laboratorio Voci in Musica - Di Tonno/Varak, Stoch/Forbes, Harris, Godefroy, Tarasconi/Shakhijanyan

Regia: Daniele Abbado

Scene: Graziano Gregori

Costumi: Carla Teti

Orchestra: Ensemble Cameristi del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma

Direttore: Claire Gibault

Coro: Coro delle Voci Bianche di Musica per Roma

Maestro Coro: Mauro Marchetti, Marisol Carballo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Il live streaming di oltre 21 ore organizzato per il compleanno di Erik Satie dal Teatro Miela di Trieste, con 124 pianisti da tutto il mondo

classica

Il tradizionale concerto per il compleanno dei Berliner, senza spettatori e con organico ridotto, per consentire una distanza di almeno 2 metri fra gli orchestrali

classica

Beryl Korot e Steve Reich riflettono su scienza e tecnologia