Due utopie in Tempo Reale

Stockhausen e Cornelius Cardew per la conclusione del festival fiorentino

Recensione
classica
Tempo Reale Firenze
13 Ottobre 2012
Nel terzo festival fiorentino di Tempo Reale la vocazione elettronica si è aperta ad altro, al “rumore rosa”, come recitava il titolo di quest’edizione, al genio femminile, con le presenze vibranti e insieme con la precisione di segno musicale di artiste come Liu Fang, suonatrice e innovatrice del liuto tradizionale cinese. Non in rosa, però, la conclusione, con “Musica comunista”, provocatorio accostamento del penultimo lavoro di Karheinz Stockhausen, Edentia – Klang 20th Hour (2007) per sassofono soprano (Giovanni Nardi) e musica elettronica (Francesco Giomi) con il lavoro forse più celebre, Treatise (1963-67), di Cornelius Cardew, collaboratore di Stockhausen prima dell’”apostasia” del celebre saggio Stockhausen Serves Imperialism, Ma ricongiunti i due in una prospettiva oramai storica - lo ricordava Daniele Spini introducendo il concerto - si nota come l’ultimo Stockhausen torni in qualche misura ad una sorta di “musica assoluta elettroacustica” dei suoi primi mirabilia come Kontakte nel ruscellare incredibilmente limpido, veloce e astratto dell’invenzione elettronica mentre una voce impone gesti e rituali musicali al solista in scena. Dal suo canto, l’interpretazione live-electronics di Treatise, realizzata da Salvatore Miele, Francesco Casciara, Daniela Cattivelli, Andrea Gozzi (regìa del suono Damiano Meacci) con campionatori, “oggetti sensibili” e chitarra elettrica, riconduce in qualche modo alla costellazione Stockhausen quest’episodio sui generis di musica aleatoria anni ’60: deformazioni grafiche di segni musicali, chiavi, note, pause, pentagrammi, al musicista decifrarli e realizzarli. Molto pubblico alla Limonaia di Villa Strozzi e molto successo.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Teatro Comunale di Bologna avvia fuori sede il nuovo cartellone sinfonico con un Valčuha in stato di grazia

classica

Le prove e il concerto di Sir Antonio Pappano e Luigi Piovano a Padova

classica

Al Festival Verdi intensa lettura di Roberto Abbado dedicata alle vittime della pandemia