Dolci melodie francesi dai trovatori alla chanson

Un ottimo festival di musica antica che è un punto di riferimento in Europa – seguito da un pubblico competente, dunque ideale - con un tema e un ensemble, ospite d'onore in residenza, ogni anno diversi.
Al suo interno la International Young Artist's Presentation, quest'anno dedicata agli strumenti storici a fiato, ha premiato l'Andrassy Trio, mentre il pubblico ha scelto La Caravaggia.
Fra i tanti concerti risalta la raffinatezza di Machaut.

Recensione
classica
Laus Polyphoniae Anversa
02 Settembre 2007
Inaugurata con la Missa Et ecce terrae motus a 12 di Brumel e conclusa con la messa dei folli Officium lusorum, Laus Polyphoniae ha offerto un vasto panorama della musica francese medievale e rinascimentale attraverso 22 concerti: messe, mottetti e chanson eseguite nelle Chiese di San Carlo Borromeo, di Sant'Agostino e di Elzenweld. Invitato d'onore l'Ensemble Clement Janequin diretto da Dominique Visse, che con la sua eccentrica figura e la sua inconfondibile personalità vocale, ha conquistato il pubblico fiammingo con la verve e l'ironia della chanson parigina, punta d'eccellenza del suo repertorio. Tra le proposte più interessanti e stimolanti citiamo la splendida selezione di brani anonimi dal canzoniere di Utrecht - degni delle migliori chanson di Machaut e Dufay - dell'Ensemble Fortuna; la Missa Sancti Iacobi di Dufay, impeccabilmente eseguita da La Reverdie; la commistione di ars antiqua, nova e subtilior dell'assemblaggio "avignonese" della Missa Magna dei Diabolus in Musica; l'intenso e ispirato melos dei versi privi di notazione del trovatore Marcabru, ricreato dall'affabulatore Brice Duisit; la coraggiosa immersione nel lungo lai di Machaut dell'eccellente trio Mauillon, Biffi e Hamon, raffinati e gioiosi allo stesso tempo. Poco convincente invece la kermesse finale con gli strumenti di Millenarium, il Coro da Camera di Namur, i cantori di Psallentes, e le voci bianche di Les Pastoureaux: la voglia di rendere attuale la goliardia medievale ha assunto toni forzatamente farseschi. Ma il protagonista di questo prezioso e splendido festival è il pubblico: c'è stato sempre il tutto esaurito anche per programmi impegnativi come il Requiem di Prioris, magistralmente eseguito dalla Capilla Flamenca, con i Psallentes e i fiati di Oltremontano.

Note: Festival delle Fiandre di Anversa – Laus Polyphoniae XIV edizione La Polyphonie Française 25 agosto – 2 settembre 2007

Interpreti:

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Una coincidenza porta l’opera di Alessandro Melani a Pisa a pochi giorni di distanza dalle rappresentazioni di Roma, dopo 350 anni

classica

Riuscitissimo recupero dell’opera di André Grétry nella prima produzione propria dell’Opéra Royal di Versailles

classica

L’Otello di Gioachino Rossini nell’allestimento di Damiano Michieletto apre la stagione dell’Oper Frankfurt