A Cremona Orfeo va in metrò

In viaggio con Orfeo al Monteverdi Festival

Orfeo nel metrò
Orfeo nel metrò
Recensione
classica
Teatro Ponchielli, Cremona
Orfeo nel metrò
02 Maggio 2019 - 04 Maggio 2019

Riccio ribelle, jeans e t-shirt. Millennial sempre connesso, tutto smartphone, social e selfie. È Orfeo nel metrò, musica di Claudio Monteverdi, lettura in chiave contemporanea del mito di Tracia, nuovo allestimento firmato dal regista italiano-belga Luigi De Angelis e Compagnia Fanny & Alexander (costumi di Chiara Lagani) e dal giovane direttore argentino Hernán Schwartzman. Giovedì 2 maggio (palcoscenico del Teatro Ponchielli di Cremona, repliche 3 e 4 maggio), ha inaugurato la Trentaseiesima edizione del Monteverdi Festival

Una produzione Young Barocco, in collaborazione con la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano, e un cast di giovani artisti: studenti ed ex studenti di Canto rinascimentale e Barocco dei Conservatori italiani, selezionati tra gli ottanta che han preso parte alle selezioni per il progettoOrfeo nel metrò è una human history vissuta sul vagone di un treno/metro, nel tempo di un ideale viaggio sulla linea Cremona-Mantova-Campi di Tracia. Tutti si sta nello spazio angusto del vagone (la recita è per centoventi/centocinquanta spettatori alla volta), ricostruito a dimensioni reali (graffiti e tags degli studenti dell’Istituto Superiore Antonio Stradivari di Cremona).

Sui finestrini, come il paesaggio di un treno in corsa, lunghi piano-sequenza (video di Andrea Argentieri) raccontano il fuori, le verdi e placide campagne della Bassa. Luci underground e un soundscape metropolitano creano suggestioni, evocano l’emozione del viaggio e la tragedia di Euridice è una breaking news che passa sui display del vagone. A Orfeo piace il rock e come una vera rock-star ha Ray-Ban alla Freddy Mercury. Per i suoi fans canta al microfono Ti ricordi o boschi ombrosi…e la sua cetra è un basso elettrico con cui si accompagna quando, giunto in metro (e come se non con il tube underground?!) nei mesti e tenebrosi regni dell’Ade, canta Possente spirto…per riavere la sua bella Euridice.Benintesto, la partitura di Monteverdi c’è e il sound antico non è andato perso. I giovani musici diretti da Schwartzman suonano strumenti rinascimentali e barocchi. Nel cast ognuno gioca il suo ruolo e tutti sono viaggiatori. Orfeo (Antonio Sapio) è tenore dalla limpida voce. Delicata è Euridice (Veronica Villa), Lorenzo Tosi (Caronte e un Plutone militaresco) è voce profonda e severa. Sempre a suo agio Arianna Stornello nei diversi ruoli di Musica, Messaggera e Proserpina. È spigliata, ha presenza scenica e con i “Pastori” (Michele Gaddi, Danilo Pastore, Stefano Maffioletti, Marco Tomasoni, Martha Rook, Piero Facci) coinvolge noi - viaggiatori/spettatori - ora protagonisti della storia e della scenografia. La lettura del mito di Orfeo in chiave moderna è riuscita. Con leggerezza, De Angelis (regia, scene, luci e sound designer) crea quella “verità empatica” che rende Orfeo nel metrò reale, personaggio attuale e coerente con i tempi metropolitani. Orfeo è ognuno di noi, conosce l’amore e il dolore e, grazie al potere della musica, rielabora il dolore. Orfeo è cittadino del mondo. Viaggia tra Cremona e Mantova ma potrebbe essere Milano o New York… Funzionerebbe comunque. Anzi di più!

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Applausi per il pianista pisano che affronta la Nona di Beethoven nell’adattamento pianistico di Liszt

classica

Il coro del monastero Danilov di Mosca chiude il Festival di Musica e Arte Sacra di Roma

classica

A Perugia, per la Sagra Musicale Umbra, un concerto con un repertorio raramente eseguito in Italia