Capirci un youtube

Chiude la Philadelphia Orchestra, ma il modello è la YTSO di Tilson Thomas

Recensione
classica
Il fallimento della Philadelphia Orchestra è sulle prime pagine dei giornali americani. Volendo scrivere qualcosa sulla stupefacente bancarotta di una delle orchestre storiche del Paese, sono finito intrigato fra i commenti del blog che David Cutler (mai sentito nominare prima, docente della Duquesne University) ha scritto a proposito della YouTube Symphony Orchestra creata da Michael Tilson Thomas. Le potenzialità di un'orchestra, a pensarci come fa Cutler, e di cui la YTSO ne è un esempio concreto, sono enormi, e non sarebbe poi così difficile tradurle in grande appeal per il pubblico.
Un'orchestra non è fatta di pezzi interscambiabili, ma di singoli musicisti, esseri umani con talenti straordinari, una storia da raccontare, e il loro posto potrebbe essere subordinato alla capacità di mettere in gioco la loro personalità.
Il pubblico vuole riascoltare i classici che ama - Le opere vanno eseguite complete, in tutti i loro movimenti - Il pubblico va a sentire un'orchestra per ascoltare musica sinfonica. Tuttavia, molti oggi sarebbero più inclini ad ascoltare un maggiore assortimento, nuovi e vecchi brani, di tradizioni e generi diversi, noti e meno noti, per intero o solo in parte, per formazioni diverse. Un programma più vario e diversificato.
La grande musica non ha bisogno di altro se non di se stessa. Vero. Ma nell'era visiva di YouTube semplicemente questo non corrisponde alla realtà del pubblico più giovane di cui le orchestre hanno un disperato bisogno. Danza, video, immagini, allestimenti scenici di vario tipo possono costituire un elemento essenziale per coinvolgere il pubblico nell'esecuzione.
Ogni musicista della YTSO, dotato di uno smartphone, della possibilità di girare e pubblicare video e di una propria pagina internet, contribuisce al contenuto online (prove, diari personali, riflessioni musicali, audizioni...). Il concerto di Sydney del mese scorso è stato visto in diretta da 1.8 milioni di persone ed è stato replicato 33 milioni di volte in 189 Paesi diversi. Per fare questo, tuttavia, bisogna correre il rischio di mettere da parte alcune certezze storiche che regolano la vita musicale di un'orchestra, e soprattutto decidere che recuperare il rapporto con il pubblico oggi ha un valore anche superiore alla missione artistica. Troppo tardi?


Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Nuovo allestimento, molto su due ruote, di Elisir d’amore a Catania

classica

Il pianista toscano per Milano Musica

classica

A Francoforte entusiasmo per il controtenore in recital con il pianista Michał Biel fra barocco e Lied di compositori polacchi fra Otto e Novecento