Berlioz in mimetica

Béatrice et Bénédict a Bruxelles

Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie Bruxelles
Hector Berlioz
24 Marzo 2016
Vedere i soldati in mimetica irrompere in scena subito dopo l’overture è una coincidenza che fa venire i brividi nella Bruxelles di oggi ancora più sotto tutela dell’esercito dopo gli attentati del 22 aprile scorso. Per questo la direzione de la Monnaie ha deciso di avvertire prima gli spettatori della presenza sulla scena dei militari perché, con i tempi che corrono, qualcuno del pubblico poteva scambiare finzione per realtà e preoccuparsi seriamente. Il regista Richard Brunel ha proposto una versione di Béatrice et Bénédict di Berlioz che per vestiti e mobilio richiama il secondo dopoguerra, ma le mimetiche dei soldati sono quelle di oggi, in una scenografia triste che cozza con la gioiosità dell’opera ispirata, come si sa, a “Tanto rumore per nulla” di Shakespeare dove i soldati sono le truppe che rientrano a Messina vittoriose sui Mori. Scene di gioia quindi, di ragazzi che tornano alle famiglie e alle fidanzate. Brunel ha cambiato poi finale, e le parole del libretto, in modo che dei due matrimoni previsti uno vada tragicamente all’aria per accuse false fatte da un personaggio inventato dal regista allo scopo. La contraddizione tra quello che si sente e quello che si vede culmina quindi in un finale che lascia perplessi, ed infatti si è sentita qualche contestazione dalla sala. Un peccato perché è bella l'immagine di Héro sposa che arriva come un angelo, la direzione di Samuel Jean rende poi bene la ricca inventiva compositiva di Berlioz, malgrado i limiti di acustica del prefabbricato edificato dalla Monnaie a Tour & Taxis in attesa di completare i lavori nel teatro storico. Stesso problema per le voci, tutte di buon livello, in particolare, i due protagonisti sono ben giocati da Sébastien Droy e Michèle Losier, e Eve-Muad Hubeaux si fa notare nel ruolo di Ursule.

Note: Dramaturgie:Catherine Ailloud-Nicolas Nuova produzione La Monnaie, in coproduzione con il Théâtre du Capitole (Toulouse)

Interpreti: Frédéric Caton (Don Pedro), Claudio (Etienne Dupuis), Sébastien Droy (Bénédict), Sébastien Dutrieux (Don Juan), Pierre Barrat (Léonato), Sophie Karthäuser (Héro), Michèle Losier (Béatrice), Lionel Lhote (Samarone), Eve-Maud Hubeaux (Ursule)

Regia: Richard Brunel

Scene: Anouk Dell'Aiera

Costumi: Claire Risterucci

Orchestra: Orchestre symphonique de la Monnaie

Direttore: Samuel Jean

Coro: Chœurs de la Monnaie

Maestro Coro: Martino Faggiani

Luci: Laurent Castaingt

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Festival Pontino un concerto del pianista Alfonso Alberti dedicato a musiche ispirate alla Divina Commedia, tra cui un rarissimo brano dell’ultimo dei Caetani

classica

Lo spettacolo con la regia di Daniele Abbado e la direzione di John Axelrod

classica

Macerata festeggia i 100 anni dello Sferisterio come teatro lirico