In Belgio torna Il giocatore di Prokofiev

Successo per l’allestimento firmato da Karin Henkel, all’Opera di Gand fino al 19 giugno, poi dal 28 giugno al 7 luglio all’Opera di Anversa

Il giocatore
Recensione
classica
Opera di Gand
Il giocatore
13 Giugno 2018

A cento anni dalla sua creazione – ma la prima rappresentazione slittò al 1929 e fu spostata a Bruxelles a causa della rivoluzione russa – l’Opera di Anversa-Gand ha proposto un nuovo allestimento della prima opera scritta da Prokofiev ed ispirata all’omonimo lavoro di Dostoevskij.

L’intreccio del Giocatore non è facile da seguire, e all’opera di Gand dove sono in programma le prime rappresentazioni l’opera in russo è sottotitolata solo in fiammingo, ma la messa in scena e soprattutto la bravura degli interpreti, anche come attori, fanno volare via velocemente e piacevolmente le due ore intense di spettacolo concepite senza intervallo. E il pubblico ride spesso.

Il soggetto è così popolato da personaggi che non si può citarli tutti come meriterebbero, ci limitiano ai protagonisti principali, il tenore ceco Ladislav Elgr nel ruolo di Aleksej e il soprano russo Anna Nechaeva in quello di Polina, entrambi belle voci adatte ai ruoli e dall’interpretazione intensa che ben esprime i rispettivi demoni e dubbi interiori. E bravissima il mezzosoprano Renée Morloc, divertentissima nella parte della “baboulinka”, che in russo significa "nonnina", di cui si aspetta la morte per conquistarne l’eredità e che invece entra in scena con una vitalità inaspettata.

Lo spettacolo, firmato dalla giovane regista tedesca Karin Henkel con le scene di Muriel Gerstner, è stato concepito mescolando presente e ricordi, con il protagonista Aleksey che vive un tumultuoso flashback, aggiungendo un danzatore (il bravo Miguel do Vale) e letture di citazioni del romanzo di Dostoevskij, su una scena dominata da letti e lampade che si duplicano e si scoprono pian piano in obliquo su più livelli, arricchita da spezzoni di vecchi film in bianco e nero con giocatori in smoking, scritte al neon che ricordano le frasi standard del gioco d’azzardo, pioggie di gettoni, deliziosi ondeggiamenti nello sfondo, e tanto altro ancora.

Sul podio il maestro russo-tedesco Dmitri Jurowski tiene la barra dritta garantendo la qualità dell’interpretazione della partitura e dell’esecuzione dell’orchestra che, oltretutto, conosce bene avendola diretto come maestro principale dal 2011 al 2016. L’opera, complessa, acquisisce spessore e intensità drammatica con il procedere del lavoro e anche i costumi, che all’inizio possono sembrare scoordinati, si comprende invece, man mano che la vicenda si dipana, che sono assai intelligentemente pensati per caratterizzare i diversi personaggi, e tutto quadra.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Riuscito allestimento di Robert Carsen di Die tote Stadt alla Komische Oper di Berlino 

classica

L’opera del compositore Giorgio Battistelli in una nuova produzione del Teatro Stabile e dell’Orchestra di Padova e del Veneto

classica

A Roma, una particolare esperienza d’ascolto grazie al Coro Statale della Cappella San Pietroburgo