In Belgio affascina il Demon

A Bruxelles debutta l'opera di Anton Rubinstein

Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie
Rubinstein
21 Gennaio 2016
Il momento più toccante è stato senza dubbio il bel canto d'amore del principe Sinodal, impersonato dal giovane tenore russo Boris Rudak (nella foto), che ha strappato alla sala alcuni “bravo”, gli unici della serata, ben meritati alla fine di una interpretazione intensa, appassionata ma allo stesso tempo delicatissima, e poco ha importato qualche lieve sbavatura. Eseguito per la prima volta in Belgio al Bozar, cosi sostiene perlomeno la Monnaie, il Demon di Anton Rubinstein , anche se rappresentato solo in forma di concerto, ha ammaliato il pubblico che gli ha decretato alla fine lunghi applausi. Sul podio, il maestro russo Mikhail Tatarnikov è apparso più efficace nella seconda parte della serata, con l'organico orchestrale più ridotto, mentre nel primo tempo ha lasciato andare a tratti un po' troppo l'Orchestra, avvolta dal Coro della Monnaie che ha dato buona prova anche in russo, con il rinforzo dalla MMAcademy e dal Vlaams Radio Koor, perdendo qualche sottigliezza di colore. L'avvio è risultato così un po' sfocato, folate di frasi musicali una dopo l'altra appesantite da una continua esaltazione indistinta, molto meglio nei movimenti più lenti e con una splendida chiusura finale. Quanto agli interpreti, il baritono-basso lituano Kostas Smoriginas è bravo ma con non abbastanza volume per interpretare Demon, ha cantato infatti spesso alzato sulla punta dei piedi per darsi più possenza. Capacità vocali rimarchevoli invece per il soprano Veronika Dzhioeva, originaria del Caucaso, ma dal timbro un po' troppo scuro per impersonare l'angelica Tamara. Perfetti per la parte, invece, Alexander Vassiliev come Vecchio servitore, il mezzosoprano olandese Christianne Stotijn in quella dell'Angelo, a lei un plauso speciale dal pubblico, e Ante Jerkunica nelle vesti del principe Gudal.

Note: Opera in concerto Produzione La Monnaie in collaborazione con il Bozar

Interpreti: Kostas Smoriginas (Demon), Veronika Dzhioeva (Tamara), Ante Jerkunica (Prince Gudal), ¦ Boris Rudak (Prince Sinodal ), Christianne Stotijn (angelo), Alexander Vassiliev (Old servant), Elena Manistina (Nurse), Igor Morozov (messaggero)

Orchestra: Orchestre symphonique de la Monnaie

Direttore: Mikhail Tatarnikov

Coro: Chœurs de la Monnaie, Académie de chœur de la Monnaie, Vlaams Radio Koor, Chœur de jeunes de la Monnaie, La Choraline

Maestro Coro: Martino Faggiani

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Semiramide firmata da Graham Vick e con la splendida direzione di Michele Mariotti sul podio dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ha inaugurato il Rossini Opera Festival

classica

A Drottningholm un riuscito allestimento dell’Ariodante di Händel con Ann Hallenberg protagonista

classica

A Festival della Valle d'Itria trionfo per Carmela Remigio come Ecuba e per un divertentissimo Matrimonio Segreto