Uno studio di musica elettronica a Santa Cecilia

Sarà intitolato a Paolo Ketoff, protagonista della ricerca sperimentale in campo musicale negli anni Cinquanta e Sessanta e inventore di uno dei primi sintetizzatori

News
classica
La conferenza di presentazione
La conferenza di presentazione

È stato inaugurato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia lo Studio Paolo Ketoff, che sarà un laboratorio di musica elettronica e un centro permanente di formazione, produzione e ricerca musicale, il primo nel suo genere nell’ambito delle Fondazioni lirico-sinfoniche italiane. Il laboratorio sarà accessibile ai compositori, musicisti, ricercatori e studenti, a cui metterà a disposizione i più moderni supporti tecnologici di cui si avvale oggi la produzione musicale, come i sistemi di intelligenza artificiale e di analisi acustica per gli strumenti d’orchestra, guardando alla musica del futuro con una visione allargata alle sconfinate potenzialità che l’elettronica può offrire ai nuovi autori e anche al repertorio della musica sinfonica e da camera.

Lo Studio è dedicato a Paolo Ketoff, ingegnere del suono di origini russe trasferitosi a Roma e divenuto un protagonista della ricerca sperimentale in campo musicale negli anni Cinquanta e Sessanta. Spinto dal suo interesse appassionato per la musica elettronica, mise al servizio dei musicisti il suo sapere tecnologico, il suo prodigioso orecchio assoluto e la sua multiforme inventiva, da cui nacquero i sintetizzatori musicali Fonosynth  e Synket, che hanno ampliato gli orizzonti della creatività sonora internazionale nel campo della musica d’avanguardia e della musica per film.

L’inaugurazione dello Studio avviene nel centenario della nascita di Ketoff – il cui archivio è stato donato all’Accademia di Santa Cecilia dai figli Andrea e Fulvia – e risponde alle esigenze di avere a Roma un centro tecnologicamente avanzato nell’ambito di un programma che colloca con autorevolezza la musica elettronica nel percorso formativo, produttivo e di ricerca dell’Accademia. Trovano così attuazione progetti che risalgono agli scorsi decenni: nel 1969 infatti Franco Evangelisti aveva ideato, con l’adesione unanime del Consiglio Accademico, un “Centro per la sperimentazione sonora”, che non fu realizzato solo per la mancanza di fondi, e nel 2000 l’allora presidente Luciano Berio aveva nuovamente ribadito la volontà di realizzare un centro per la musica elettronica. È stata necessaria la perseveranza dell’attuale presidente-sovrintendente Michele dall’Ongaro per finalmente concretizzare quelle idee e quelle speranze.

La direzione del laboratorio è stata affidata a Michelangelo Lupone, compositore che si distingue per l’approccio interdisciplinare, che lo ha portato ad integrare l’ambito musicale con quello scientifico e tecnologico. Ne gestirà le attività come un “hub culturale”, un polo rivolto alla formazione di giovani musicisti, al sostegno di attività sperimentali e di ricerca, alla collaborazione con le arti della visione e del teatro, anche in connessione e collaborazione con altre realtà internazionali attive in questo campo.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Puccini Academy è il laboratorio formativo della Fondazione Festival Pucciniano per giovani musicisti

classica

Al termine del concerto dei Wiener le sgradevoli parole di Muti verso il direttore scaligero

classica

Il Teatro Miela di Trieste festeggia con la rassegna Satierose