Tre concerti dell’Orchestra Rai diretta da Andrés Orozco-Estrada

Il nuovo direttore principale sul podio dell’Orchestra Rai giovedì 18 gennaio in diretta su Radio3, venerdì 19 in live streaming e sabato 20 a Piacenza

News
classica
Andrés Orozco-Estrada (foto PiùLuce/OSNRai)
Andrés Orozco-Estrada (foto PiùLuce/OSNRai)

Il nuovo direttore principale Andrés Orozco-Estrada torna sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in occasione del concerto in programma giovedì 18 gennaio (ore 20.30) all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, appuntamento trasmesso in diretta su Rai Radio3 oltre che ripreso da Rai Cultura e successivamente programmato su Rai5. Il concerto viene replicato a Torino venerdì 19 gennaio (ore 20.00) e trasmesso anche in live streaming (questa la pagina per seguire la diretta), e infine proposto sabato 20 gennaio (ore 20.30) al Teatro Municipale di Piacenza.

Andrés Orozco-Estrada, nato a Medellín, in Colombia, nel 1977, ha debuttato con l’OSN nel maggio 2022, e nell’ottobre 2023 ha iniziato una collaborazione di tre anni che lo porterà sul podio della Rai più volte in stagione e in tournée. È stato a capo di compagini come l’Orchestra della Radio di Francoforte, i Wiener Symphoniker e la Houston Symphony. Dalla stagione 2025/2026 diventerà Generalmusikdirektor della Città di Colonia, prendendo le redini della Gürzenich Orchestra e dell’Opera della città tedesca, una delle più importanti metropoli culturali europee. Dirige abitualmente orchestre come i Wiener e i Berliner Philharmoniker, la Staatskapelle di Dresda, la Gewandhausorchester di Lipsia e quella del Concertgebouw di Amsterdam.

In apertura Orozco-Estrada propone la Sinfonia n. 38 in re maggiore KV 504 di Wolfgang Amadeus Mozart detta “Praga”, eseguita per la prima volta nel 1787 nella capitale boema, dove Le nozze di Figaro stavano riscuotendo un enorme successo e dove il compositore avrebbe portato pochi mesi dopo il Don Giovanni.

Nella seconda parte della serata è invece in programma Ein Heldenleben (Vita d’eroe) op. 40, con il quale Richard Strauss concluse nel 1898 la fortunata serie dei suoi poemi sinfonici prima della svolta teatrale inaugurata con Salome nel 1905 e proseguita con Elektra nel 1909. Agli antipodi dell’eroismo beethoveniano, il lavoro è una sorta di autobiografia in musica che eleva la vita di Strauss sul piano ideale di un’esistenza emblematica.

I biglietti per il concerto sono in vendita online e presso la biglietteria dell’Auditorium Rai di Torino.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Festival della Valle d'Itria compie 50 anni

classica

Pesaro: concerti dal balcone della casa natale

classica

Il 22 febbraio in diretta su Radio3 e il 23 anche in live streaming, in programma il 1° Concerto per pianoforte di Brahms, solista Dmytro Choni