Premio Loano: vince Elena Ledda

Gastone Pietrucci Premio alla Carriera, Premio Realtà Culturale ai Trouveur Valdotèn, e debutta il Premio Giovani

News
world
Elena Ledda - Premio Loano 2018
Elena Ledda, foto di Pierluigi Manca

Si terrà dal 23 al 27 luglio a Loano, per la quattordicesima volta, il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana, il più importante riconoscimento in Italia per la musica folk: il tema dell'anno è "riGenerazioni", ovvero quei processi che permettono a una cultura o a una musica di passare dai padri ai figli, di sopravvivere e mutare.

Il programma sarà annunciato presto; sono intanto stati resi noti i nomi dei vincitori.

Il disco più votato dalla giuria critica (che comprende oltre 60 giornalisti specializzati) è stato Làntias di Elena Ledda (S'Ard Music).

Debutta anche, per il 2018, il Premio Giovani, voluto dalla nuova direzione artistica, a cura di Jacopo Tomatis: il disco più votato nella categoria (riservata agli under 35 con meno di due opere all'attivo) è risultato La muta vita, delle Lame da barba.

L'organizzazione del Premio Loano attribuisce anche due premi a personalità di spicco della scena folk. Il Premio alla Carriera è andato a Gastone Pietrucci e La Macina, nel cinquantesimo anniversario dalla nascita del gruppo. Questa la motivazione:

Ricerca e riproposta, tradizione e creazione si frantumano e mescolano fino a diventare indistinguibili sotto la forza antica della Macina, Gruppo di Ricerca e Canto Popolare Marchigiano fondato da Gastone Pietrucci nel 1968, cinquant’anni fa esatti. Da allora, da quell’“altro” sessantotto, Gastone e la sua Macina hanno attraversato da protagonisti la musica italiana, proseguendo l’attività di ricerca sulla tradizione popolare delle Marche e portandola sui palchi della canzone d’autore (con gli album Aedo malinconico ed ardente), del rock (grazie alla collaborazione con i Gang) e perfino della musica classica e del jazz, sempre nel segno del confronto e dello scambio tra generazioni e linguaggi diversi.

Il Premio alla Realtà Culturale è invece stato assegnato ai Trouveur Valdotèn:

Attivi dalla fine degli anni Settanta, ricercatori e musicisti, operatori culturali e organizzatori di eventi (ad esempio con il festival Ététrad, punto di riferimento nel suo genere), i “trovatori valdostani” sono uno dei migliori esempi di come le modalità di trasmissione dei saperi della cultura popolare sopravvivano e mutino nella società contemporanea. Dai genitori ai figli, da Liliana Bertolo e Alessandro Boniface ai due fratelli Rémy e Vincent, il nome dei Trouveur Valdotèn è passato da una generazione all’altra, e la loro musica, partendo dalla piccola Val d’Aosta, si è resa disponibile per altre musiche e altri suoni, in innumerevoli progetti (L’Orage, Toc Toc Toc, Abnova, Estremìa, Pitularita…).

Questa la classifica dei dischi più votati.

 

La classifica del Premio al miglior Album 2017

1° posto

Làntias(S’Ard Music) – Elena Ledda

2° posto

Canti, ballate e ipocondrie d’ammore (Squilibri) – Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro

3° posto

Canzoniere (Ponderosa) – Canzoniere Grecanico Salentino

4° posto

U fujutu su nesci chi fa? (Urtovox) – Cesare Basile

Come un albero d’inverno(Visage Music) – Luisa Cottifogli 

6° posto

Cuttuni e lamé (Finisterre) – Eleonora Bordonaro

Perle d’Appennino(Visage music) – Maurizio Geri

8° posto

Bella una serpe con le spoglie d’oro(Squilibri) – Marco Rovelli

9° posto

Ed un pensiero ribelle in cor ci sta! Due secoli di storia d'Italia cantata(Nota Records

Giovanna Marini / Coro Inni e canti di lotta / Banda della scuola popolare di musica di Testaccio

10° posto

40 gir 1977-2017(Felmay) – Tre Martelli

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

world

L'undicesima edizione si terrà dall'8 al 10 novembre a Cagliari

world

Il 22 e 23 settembre al TPO: uno sguardo diverso sulle musiche dell'Africa

world

Dal 22 settembre la rassegna alle OGR, con Tony Allen e Jeff Mills, Amadou & Mariam e Bombino