Musica antica in Val di Zoldo

Dal 26 luglio "Arte e Musica tra Pelmo e Civetta"

News
classica
Pelmo e Civetta
Pelmo e Civetta

Il Circolo Culturale Bellunese, la Fondazione Cariverona e la Fondazione Antiqua Vox, con il sostegno del Comune di Val di Zoldo e il patrocinio della Diocesi di Belluno Feltre, promuovono tra il 26 luglio e il 24 agosto la seconda edizione della rassegna "Arte e Musica tra Pelmo e Civetta", Festival Internazionale di Musica Antica in Val di Zoldo, a cura dei maestri Andrea Marcon e Paolo Da Col. La serie di manifestazioni propone percorsi culturali avvincenti in cui alla passione per l'arte e la natura si unisce la riscoperta del patrimonio architettonico della Val di Zoldo. I repertori spazieranno dal repertorio classico alla contemporaneità e per l’occasione verranno utilizzati strumenti antichi restaurati di recente, organi di pregio, come  quello cinquecentesco di Dont, il Callido di Pieve di Zoldo, il Merlini di Gomma  e  quello interamente ligneo di Fusine. Tra gli ospiti figurano Andrea Marcon, Liuwe Tamminga,  l'Odhecaton diretto da Paolo Da Col, il mezzosoprano Romina Basso e Franziska Fleischanderl, Enrico Zanovello e i Cantori di Santoni diretti da Nicola Sella, il VenEthos Ensemble, Evangelina Mascardi, Andrea Buccarella, Teodoro Baù e Daniel Perer.

All’attività concertistica si sono affiancati il restauro di alcuni beni artistici del territorio, affidato a Renza Clochiatti, che coordina gli interventi in favore della chiesa di Coi e di Brusadaz, e l’attività formativa per le giovani generazioni, impegno strategico di Fondazione Cariverona, con la prima Accademia Internazionale di Organo, Clavicembalo e Musica Antica “Alte vie barocche in Val di Zoldo”, tenuta da Andrea Marcon  lo scorso luglio, dedicata all’opera di Girolamo Frescobaldi per organo e clavicembalo.

Ingresso libero.

Hashtag di riferimento: #TraPelmoECivetta

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il saggio “Troppo onore?” esamina le basi storiche, giuridiche e soprattutto politiche dei titoli onorifici concessi dalle Università tedesche e austriache, e non risparmia dettagli sul conferimento della laurea honoris causa al grande direttore austriaco

classica

La britannica Incorporated Society of Musicians esprime forti timori sulla sostenibilità della professione di musicista in caso di hard Brexit e chiede al governo di farsi carico dei costi che graverebbero sul settore dopo l’uscita del paese dalla UE