L’Accademia di Santa Cecilia conferma Antonio Pappano come direttore musicale

 È il quarto rinnovo dal 2005 e arriverà fino al dicembre 2023, fatte salve possibili e probabili proroghe

News
classica
Michele dall'Ongaro e Antonio Pappano
Michele dall'Ongaro e Antonio Pappano

Antonio  Pappano è stato riconfermato direttore principale dell’orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia fino al 2023: lo ha annunciato Michele Dall’Ongaro, presidente dell’Accademia stessa. Questo è il quarto rinnovo e così Sir Antonio ricoprirà quest’incarico per ventitre anni, quasi un record tra i direttori delle maggiori orchestre internazionali attualmente in carica: forse lo batte soltanto Temirkanov, dal 1988 direttore della Filarmonica di San Pietroburgo. E non è affatto detto che nel 2023 non ci sarà un altro rinnovo, anzi tutto fa pensare che l’Accademia non si vorrà privare di Pappano e che Pappano non se la sentirà di lasciare Roma. D’altronde i risultati sono sotto gli occhi di tutti: l’orchestra, che già era ad un ottimo livello, è ulteriormente migliorata, ogni anno compie lunghe tournée in tutto il mondo, dall’America del nord e del sud all’estremo oriente, ed è tra le più attive in campo discografico, dove ha collezionato numerosi premi. Ma il risultato più straordinario è l’amore – perché di questo si tratta e non soltanto di stima e ammirazione – del pubblico per il direttore anglo-americano, accolto da Roma a braccia aperte.

"Prolungare il mio incarico, in un’istituzione che amo e in una città che mi ha accolto a braccia aperte, è per me un motivo di grande orgoglio", ha dichiarato Antonio Pappano. "In questi anni, con l'Orchestra e con il Coro, abbiamo raggiunto importanti traguardi. Lavoriamo seriamente ogni giorno e continueremo a farlo per offrire a noi stessi, ma soprattutto a questa città e al nostro amato pubblico, il livello artistico ed emotivo che tutti ci meritiamo”.

Anche il presidente Dall’Ongaro prova un senso di orgoglio: "È con grande orgoglio che posso annunciare che il M° Pappano ha accettato la nostra proposta di rinnovo della carica di Direttore Musicale fino al dicembre del 2023". E ha sottolineato “la grande sintonia con la visione della musica del Maestro, del modo di proporla, della sua funzione  profondamente legata alla condivisione di valori e idee. Proseguire questa collaborazione significa quindi sviluppare questo percorso di crescita confermando quel ruolo di riferimento nella città e nel panorama internazionale che sempre più diffusamente ci viene riconosciuto".

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La britannica Incorporated Society of Musicians esprime forti timori sulla sostenibilità della professione di musicista in caso di hard Brexit e chiede al governo di farsi carico dei costi che graverebbero sul settore dopo l’uscita del paese dalla UE

classica

Il saggio “Troppo onore?” esamina le basi storiche, giuridiche e soprattutto politiche dei titoli onorifici concessi dalle Università tedesche e austriache, e non risparmia dettagli sul conferimento della laurea honoris causa al grande direttore austriaco