La cultura tedesca contro populismo e nazionalismo

Con “La dichiarazione dei molti” una decisa presa di posizione in favore di tolleranza e rispetto delle differenze 

News
classica
La Semperoper di Dresda
La Semperoper di Dresda

In Germania il mondo della cultura si mobilita contro i crescenti movimenti populisti e nazionalisti. Da Berlino, Amburgo, Düsseldorf e Dresda è partita la mobilitazione di numerose istituzioni e artisti a sostegno della campagna a sostegno della “Dichiarazione dei molti” (Erklärung der Vielen), che sarà ufficialmente lanciata oggi. 

“Noi sottoscritti manifestiamo un atteggiamento comune a sostegno di tolleranza, diversità, rispetto e ci impegniamo a lavorare attivamente per questo”, recita la Dichiarazione che da Dresda cercherà di coinvolgere il maggior numero di soggetti operanti nel mondo della cultura in Germania con l'obiettivo di intensificare il dialogo fra istituzioni e operatori nella comunità culturale e quindi di stimolare reti locali e regionali. Sottoscrivendo la dichiarazione, ci si impegna a lavorare insieme in diverse iniziative, associazioni e organizzazioni della società civile per combattere razzismo e altre forme di discriminazione al fine di promuovere una società giusta, aperta e altruista. 

A Dresda, città nella quale i movimenti di estrema destra sono particolarmente forti, hanno già annunciato la loro adesione alla “Dichiarazione dei molti” la Semperoper la Staatsoperette e lo Staatsschauspiel, la Philharmonie nella nuova Festspielhaus, la Dresden Frankfurt Dance Company, l’Europäisches Zentrum der Künste Hellerau, la Hochschule der Bildenden Künste fra le altre istituzioni culturali della città. In un comunicato, la Semperoper ha voluto sottolineare che, sottoscrivendo la Dichiarazione, intende affermare i valori di tolleranza, diversità e rispetto e esprime la volontà di impegnarsi a difendere a lungo tali valori. 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il direttore greco-russo lascia la direzione artistica dell’Opera e Balletto di Stato della città russa per concentrarsi di più su musicAeterna, l’orchestra da lui fondata nel 2004 

classica

Dal 26 giugno tornano I Giardini della Filarmonica

classica

La Bartoli cancella la sua Cleopatra prevista in ottobre alla Scala per solidarietà con il quasi ex-sovrintendente Pereira ma i fan le si rivoltano contro