La Budapest Festival Orchestra e Santa Cecilia in residenza al festival di Spoleto

Le due prestigiose compagini internazionali hanno siglato un accordo quinquennale col Festival dei 2 Mondi

News
classica
Monique Veaute Festival di Spoleto
Monique Veaute

Fra le prime mosse di Monique Veaute, nuova direttrice artistica del Festival dei 2 Mondi di Spoleto, sono gli accordi di collaborazione quinquennale siglati con due delle più importanti orchestre dell’attuale panorama internazionale: sono la Budapest Festival Orchestra  e l’Orchestra e il Coro dell’Accademia di Santa Cecilia.

Nel 2021 all’orchestra ungherese e al suo direttore musicale Ivan Fischer sarà affidato il concerto di apertura del festival con un programma francese che prevede Milhaud, Satie e Ravel, il 25 giugno. Quella romana diretta da Antonio Pappano suonerà musiche ispirate all’oriente di Rossini, Fazil Say e Rimsky-Korsakov per il concerto di chiusura, l’11 luglio.

Non è certo la prima volta che i complessi di Santa Cecilia partecipano al festival spoletino, ma questa volta si tratta di una collaborazione più stretta e continuativa, perché intorno alle due manifestazioni di apertura e chiusura del festival sta un ricco programma di concerti da camera, recital e teatro musicale affidato alle due compagini. E la durata quinquennale dell’accordo è la premessa indispensabile per progettare nuove e originale produzioni.

Monique Veaute tiene a sottolineare la rilevanza internazionale di questo storico festival delle arti performative, nato da un’intuizione visionaria di Giancarlo Menotti, che istituì la manifestazione nel 1958 trasformando uno scrigno di storia e bellezza qual è la città di Spoleto in un innovativo centro per l’arte dello spettacolo in tutte le sue manifestazioni. «Il Festival dei 2 Mondi di Spoleto – ha detto la direttrice artistica – continuerà a essere la grande rassegna multidisciplinare quale è stata nel Novecento con spettacoli di opera, concerti, prosa, danza, performing arts. Gli spettacoli in programma saranno costruiti partendo dai magnifici luoghi che li ospitano e tutta la città di Spoleto sarà parte di un grande progetto artistico condiviso».

Il calendario completo della manifestazione, che oltre alla musica include arte, teatro e danza, è in via di definizione e sarà annunciato prossimamente. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

In Germania si guarda alla primavera per una ripresa dell’attività di teatri lirici e orchestre e salvare una stagione mai decollata a causa della pandemia

classica

La scomparsa del musicologo

classica

L’opera di Bellini sarà eseguita in forma di concerto, con Roberto Abbado sul podio e Jessica Pratt, Lawrence Brownlee, Franco Vassallo e Nicola Olivieri come interpreti principali