Ilaria Borletti Buitoni presidente della Società del Quartetto

Succede ad Antonio Magnocavallo, scomparso il 26 gennaio scorso, alla direzione dell'ente milanese

News
classica
Ilaria Borletti Buitoni
Ilaria Borletti Buitoni

Ilaria Borletti Buitoni è la nuova Presidente della Società del Quartetto di Milano.

Consigliere del Quartetto dal 2017, è stata nominata dal Consiglio Direttivo, per succedere all’avvocato Antonio Magnocavallo, scomparso il 26 gennaio scorso. Tra i motivi di questa scelta, oltre alla passione per la musica, il Consiglio ha tenuto conto della sua ampia esperienza in campo politico, artistico, culturale, paesaggistico, umanitario

È la terza esponente della importante dinastia imprenditoriale lombarda a ricoprire questo incarico. I Borletti hanno espresso nel passato ben due Presidenti della Società: il sen. Senatore Borletti tra il 1936 e il 1938 e, dopo la guerra, il nipote dottor Senatore Borletti (1952-1972).

Due donne sono dunque oggi al vertice della storica Società milanese: accanto a Ilaria Borletti c’è Francesca Moncada di Paternò, Vice Presidente dal  2016.  Il Consiglio Direttivo ha anche disposto una giunta esecutiva formata dai Consiglieri Marco Bisceglia, Liliana Konigsman e Filippo Annunziata. 

Presentandosi al pubblico milanese in occasione del concerto del 19 marzo, la nuova Presidente ha voluto ricordare l’eredità spirituale lasciata dall’avv. Magnocavallo, il cui carisma, la passione e la dedizione alla musica, certamente le saranno di stimolo, imponendole allo stesso tempo un impegno non indifferente per succedergli nell’importante incarico.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Un accordo per favorire l’accesso di maggiori risorse in rete che prevede anche il coinvolgimento di volontari per la trascrizione delle lettere di Casa Ricordi

classica

Il festival si farà, in versione ridotta ma comunque non mancano i grandi musicisti

classica

Una nuova lettera aperta della Conferenza dei direttori musicali di teatri e orchestre tedeschi punta il dito sulla scarsa coerenza di regolamenti anti-Covid19 che penalizzano teatri e sale da concerto e danneggiano gli artisti freelance