Esa Pekka Salonen alla San Francisco Symphony 

Il direttore finlandese succede a Michael Tilson Thomas, da 25 anni direttore musicale dell’orchestra americana 

News
classica
Esa Pekka Salonen
Esa Pekka Salonen

Sarà Esa Pekka Salonen a succedere a Michael Tilson Thomas come direttore musicale della San Francisco Symphony a partire da luglio del 2020. Con la nomina del direttore finlandese si conclude la venticinquennale stagione di Tilson Thomas alla guida di uno dei più prestigiosi complessi sinfonici negli Stati Uniti, che negli oltre cento anni di esistenza ha potuto contare sulla guida di alcune fra le più prestigiose personalità musicali del secolo scorso come Pierre Monteux, Josef Krips, Seiji Ozawa e Herbert Blomstedt. 

Esa Pekka Salonen sarà sul podio della San Francisco Symphony già in gennaio con un programma che, accanto al Così parlò Zarathustradi Richard Strauss e alle Quattro leggende di Kalevaladi Jean Sibelius, prevede la prima esecuzione assoluta di Metacosmosdella compositrice islandese Anna Thorvaldsdottir. Come direttore musicale designato nella stagione 2019-20 sarà impegnato per almeno due settimane e dal 2020, quando assumerà piene funzioni, Salonen sarà a San Francosco per sei settimane della stagione in abbonamento e guiderà l’orchestra in una tournée in Asia. Nel 2021 Esa Pekka Salonen concluderà il suo incarico di direttore principale e consigliere artistico della Philharmonia Orchestra di Londra. 

Con la nomina di Salonen, alla San Francisco Symphony si punta a un nuovo modello di gestione artistica fondato su un gruppo di otto collaborazioni stabili che coinvolgono diverse discipline. Gli otto collaboratori saranno i compositori Nicholas Britell, Bryce Dessner e Nico Muhly, il soprano Julia Bollock, la flautista e pedagogista Claire Chase, il violinista Pekka Kuusisto, l’imprenditrice nel campo della robotica Carol Reiley e la jazzista e vocalist Esperanza Spalding. Con questo gruppo il neodirettore musicale e l’orchestra intendono lanciarsi in sperimentazioni che puntano a rompere convenzioni e abitudini stabilite e a creare esperienze uniche e importanti attorno all’esperienza del concerto. 

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentato a Venezia il programma delle attività culturali e musicali della Fondazione “Giorgio Cini” per il 2019 

classica

Un interessante volume dedicato a Giorgio Strehler e i suoi scenografi

classica

Presentati i risultati dell’edizione 2018 della manifestazione di Parma