Don Giovanni inaugurerà il Festival di Spoleto

In programma anche un Requiem di Silvia Colasanti per le vittime del terremoto

News
classica

Sarà il Don Giovanni a inaugurare il 30 giugno il Festival di Spoleto, che festeggia quest'anno le sessanta candeline: è stato letteralmente creato dal nulla nel 1957 da Giancarlo Menotti (che, nella sua lunga conferenza, stampa l'attuale direttore artistico Giorgio Ferrara si è però dimenticato di citare). Il Don Giovanni è affidato allo stesso team – direttore James Conlon, regista Giorgio Ferrara, scene di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo – che negli scorsi anni ha realizzato le altre due opere della trilogia Mozart - Da Ponte. Quest'anno c'è una seconda opera in programma, Delitto e dovere, un atto unico di Alberto Colla su libretto proprio, tratto da Lord Arthur Savile’s Crime - A Study of Duty di Oscar Wilde. Andrà in scena dal 7 al 9 luglio e avrà la regia di Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi.

L'altro importante evento musicale di quest'edizione è la prima assoluta di Stringeranno nei pugni una cometa, un Requiem laico con testi di Marina Gualtieri e testi liturgici latini, che Silvia Colasanti (nella foto) ha scritto come canto di congedo ai morti del terremoto del 2016 e come esortazione ai vivi. Si tratta di un brano di ampie dimensioni, che sarà eseguito il 2 luglio in Piazza del Duomo dall'Orchestra Giovanile Italiana e dai solisti Monica Bacelli, mezzosoprano, e Richard Galliano, fisarmonica, sotto la direzione di Maxime Pascal, vincitore del Premio per Giovani Direttori d'Orchestra di Salisburgo e già scritturato dalla Scala e dall'Opéra di Parigi. Come ogni anno, Piazza Duomo ospiterà il concerto di chiusura, il 16 luglio, che quest'anno vedrà Riccardo Muti sul podio dell'Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini": il programma non è stato annunciato, ma si parla di Beethoven e Verdi.

La grande e meravigliosa piazza spoletina sarà il palcoscenico anche di due concerti pop. Il primo è l'8 luglio, con Skripted Orchestra di Henrik Schwarz, conosciuto in tutto il mondo per la straordinaria capacità di mantenere un equilibrio tra musica elettronica, classica e jazz: a questo concerto parteciperanno Mario Biondi e l'Orchestra Roma Sinfonietta diretta da Gabriele Bonolis. Il 15 sarà la volta di Fiorella Mannoia, che farà a Spoleto una tappa del suo tour. E non è finita qui. Il 2 e il 3 luglio si svolgeranno due concerti dedicati alla musica colombiana tra tradizione e modernità, a cura del Festival di Cartagena, con cui Spoleto ha avviato una progetto di collaborazione e scambio. Il giorno dopo il festival ospiterà un coro della zona colpita dal terremoto, il Coro San Benedetto di Norcia, che canterà musiche sacre e profane dal rinascimento ad oggi. Last but not least, le Bande dell'Esercito, della Guardia di Finanza e della Marina Militare e i tradizionali Concerti di Mezzogiorno e Concerti della Sera in Sant'Eufemia. Il cartellone della danza sarà aperto da Il mito di Medea, un omaggio a Maria Callas con Eleonora Abbagnato (1 e 2 luglio); quindi proseguirà con il dance theatre brasiliano del Grupo Corpo (dal 7 al 9 luglio) e con l'immancabile Roberto Bolle and Friends (15 luglio).

(M.M.)

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentato il cartellone 2019 del Festival di Salisburgo, il terzo con la direzione di Markus Hinterhäuser 

classica

Presentato il cartellone della settantaquattresima edizione del Festival di Bregenz, in programma dal 17 luglio al 18 agosto 2019 

classica

Martina Franca: la quarantacinquesima edizione del festival  dal 16 luglio al 4 agosto