Carmen in Oman: la nuova stagione della Royal Opera  House di Muscat

Opere, balletti e concerti sinfonici, vocali, rock ed etnici in una stagione molto varia, la sola a proporre l’opera ai massimi livelli qualitativi al pubblico di un paese arabo

News
classica
 Royal Opera House di Muscat
Royal Opera House di Muscat

In nemmeno dieci anni di attività la Royal Opera House di Muscat ha fatto passi da gigante, tanto da essere stata inserita nella top ten dei teatri d’opera. Il sovrintendente-direttore artistico Umberto Fanni ha ora annunciato il programma della stagione 2019-2020, che colpisce per la sua varietà: ai titoli operistici – che sono dieci, più o meno come nelle stagioni delle fondazioni liriche italiane –si aggiungono infatti balletti e concerti di musica classica, pop ed etnica, per un totale di oltre cento aperture di sipario, cioè praticamente  un giorno sì e uno no, se si considera che il teatro è necessariamente chiuso per il mese Ramadan e poi durante i mesi estivi. Quest’anno la stagione comincia l’11 settembre con Carmen, in un allestimento del Teatro Colón di Buenos Aires, con Antonello Allemandi sul podio, le danze della Compagnia Antonio Gades e un cast di prim’ordine: Elena Maximova, Anita Hartig, José Cura e George Petean. Tra una recita e l’altra dell’opera di Bizet l’orchestra e il coro argentini eseguiranno la Nona Sinfonia di Beethoven sotto la direzione di Cura, ormai lanciatissimo anche come direttore d’orchestra, sulle orme di Domingo e di altri cantanti che si dividono tra podio e palcoscenico. 

Nemmeno una settimana dopo arriva la Filarmonica della Scala per due concerti diretti da Myung Whun Chung con la partecipazione del pianista Alexander Romanovsky. L’opera successiva è La Bohème, una coproduzione tra il teatro omanita e l’Opéra di Montecarlo, con la regia di Jean-Luis Grinda e la direzione di Stefano Finzi, protagonisti Irina Lungu e Celso Abelo. Nel repertorio italiano spicca Anna Bolena  in un allestimento di Stefano Mazzonis di Palafrera proveniente da Liegi, con Giampaolo Bisanti sul podio e un cast strepitoso: Olga Peretyatko, Ewin  Schrott e Maxim Mironov. E ancora L’inganno felice, nell’ambito di una collaborazione col ROF di Pesaro che prevede la rappresentazione delle cinque farse di Rossini in cinque anni, e L’elisir d’amore  in una produzione Teatro Sociale di Como-Aslico. Questi ultimi due titoli, insieme a L’enfant et les sortilèges  rappresentato dall’Opéra National di Lione, fanno parte del settore “Opere per le famiglie”, volto a conquistare un nuovo e più ampio pubblico. Ci sono anche la novità assoluta Tarh el Bahr- I tesori del mare  di Monir Elweseimy, un esperimento tutto da scoprire di opera araba, e lo spettacolare musical indiano Mughal-E-Azam.

Un posto particolare nella stagione l’ha Il flauto magico, per due motivi: è una produzione propria della ROH Muscat, che fino a ieri importava in blocco opere prodotte altrove, ed è ambientato dal regista Davide Livermore proprio in Oman. Nel cast Alina Shagimuratova, Antonio Poli e Markus Werba. Da Mosca arriva il Bolshoi per rappresentare La storia di Kai e Gerda  del settantottenne Sergej Banevič, praticamente sconosciuta fuori dalla Russia. Inoltre il teatro russo offrirà un concerto sinfonico-corale.

Qualche mese dopo arriverà anche il Balletto del Bolshoi per rappresentare l’Oneghin, che è il piatto forte  di un succulento  programma di danza, in cui figurano Tenochtitlan di Puebla dal Messico, Che Malambo dall’Argentina, il Balletto Nazionale della Georgia,  Zorba il Greco  con il Cairo Opera Ballet,  con il National Ballet of China Lo schiaccianoci  e altro ancora.

Non proviamo nemmeno ad elencare tutti i concerti e gli spettacoli con alcuni dei nomi più rappresentativi della musica araba, come Marcel Khalife e Samira Said. E poi – citando alla rinfusa – Gianandrea Noseda con la London Symphony, Chick Corea con un’orchestra sinfonica, un recital di Leo Nucci, i tamburi giapponesi Kodo e tanto altro.

Una stagione fatta per rafforzare il radicamento dell’opera in un paese che fino a qualche anno fa ne era lontanissimo e più in generale per proporre un ampio ventaglio di generi musicali in grado di soddisfare il pubblico omanita e i turisti che sempre più numerosi stanno scoprendo questo paese.

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La nuova sovrintendente Maddalena da Lisca sostituirà il direttore artistico uscente

classica

Dopo aver diretto a Roma il direttore sudamericano dà forfait per il tour italiano a Torino, Brescia, Udine, Rimini

classica

Il direttore d’orchestra francese prenderà il posto di Andrés Orozco-Estrada dalla stagione 2021/22