Tirzah, in punta di piedi

trip9love…??? è il terzo album di Tirzah Mastin, ancora una volta prodotto da Mica Levi

Tirzah
Disco
pop
Tirzah
trip9love…???
Domino
2023

trip9love…??? è il terzo album di Tirzah Mastin, ancora una volta prodotto dall’amica e collaboratrice di lunga data Mica Levi.

– Leggi anche: Il fascino discreto di Tirzah

C’è un’espressione inglese, with no fanfare, che molte riviste specializzate hanno impiegato per presentare questo album: senza ostentazione, senza clamore, quasi segretamente, e in effetti questo disco è uscito di soppiatto, in punta di piedi per l’appunto, pubblicato a sorpresa il 5 settembre sulla pagina Bandcamp dell’artista originaria dell’Essex – le versioni fisiche di questo album saranno disponibili a partire dal 17 novembre.

Sono passati dieci anni dall’EP I’m not dancing che la fece conoscere al mondo e che conteneva la traccia omonima, sorta di dance music minimalista, con quel verso «non sto ballando, sto combattendo / non sto brillando, sto bruciando» che gettava una luce militante sul brano.

 Ben presto però Tirzah e Mica – eh sì, il marchio Tirzah deve essere considerato a tutti gli effetti composto da un duo – si allontanarono da quelle sonorità per dare vita – con Devotion nel 2018 e Colourgrade nel 2021 – a lavori più incentrati sulle sfumature della voce dell’una e sulle produzioni vagamente gotiche dell’altra.

Questo nuovo episodio della loro collaborazione rappresenta una nuova fuga in avanti, dall’austerità all’ascetismo.

trip9love…??? è il risultato di un anno di sessioni avvenute soprattutto nelle loro rispettive case e quando ho citato la parola “ascetismo” facevo riferimento al particolare stile di costruzione della maggior parte delle tracce: loop di piano adagiati sopra un beat, con l’aggiunta di distorsioni e delle linee della voce di Tirzah, che si cimenta in quelle che lei definisce “poesie”.

E quando dico “un beat", intendo proprio quello – ogni singola canzone (con l’eccezione di alcune ballate senza batteria) è costruita in cima allo stesso pattern affilato di batteria, distorto e mixato ogni volta con piccolissime differenze. È senz’altro un esercizio interessante, anche se al primo ascolto può risultare difficile distinguere alcune delle canzoni comprese nella raccolta: già a partire dal secondo ascolto cominciano però a rivelarsi completamente.

La velocità, la connessione e la somiglianza degli strumenti alla fine fanno sì che l’album sembri un’unica canzone, una pagina di diario, con un effetto volutamente claustrofobico. La melanconia è declinata con sfumature variabili ma è nondimeno onnipresente: ne è esempio immediato “F22”’, il brano d’apertura, che si chiude con i versi «i tuoi occhi sono qualcosa che non puoi nascondere / non puoi nascondere / i miei occhi nei tuoi occhi nei miei occhi / non riesco a vedere / voglio vedere».

 La struttura ripetitiva delle undici canzoni ci attira all’interno dell’album per poi intrappolarci nel suo mondo, avvolgendoci in strati di produzione inquietantemente eterea, senza mai mollare la presa. È uno stile di scrittura tremendamente evocativo ed efficace: “Stars” è un ottimo esempio di quanto appena scritto.

 È inutile entrare nel dettaglio delle singole canzoni: come già scritto, questo album è una successione continua e inscindibile, deve essere ascoltato nella sua interezza, senza doversi neanche preoccupare dei titoli delle canzoni, trip9love…??? è un labirinto di specchi di armonia e produzione.

Mastin e Levi hanno a lungo descritto il loro processo di scrittura come qualcosa di quasi automatico in cui le idee transitano da una all’altra, avanti e indietro, facendole crescere insieme; questo album è simbiotico nella stessa maniera in cui lo erano i due precedenti ma risulta così emotivamente vivido che ci si sente quasi a disagio, come se stessimo origliando dal buco della serratura.

Alcuni giornalisti anglosassoni hanno definito Tirzah Mastin “mercurial” (incostante, volubile): beh, se i risultati musicali sono quelli prodotti in quest’ultimo decennio, c’è da sperare che non cambi.

«Le poesie sono incentrate sui temi dell’amore, sia reale che immaginario, e il mondo in cui l’album trova spazio è un sonnolento club di una zona di fantasia» - Tirzah, sulla sua pagina Bandcamp  

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

John Cale, il passato risponde presente

L’82enne artista gallese pubblica il nuovo album POPtical Illusion

Alberto Campo
pop

Il disco americano dei King Hannah

Big Swimmer, il secondo album del duo di Liverpool King Hannah, è stato concepito in tournée oltreoceano

Alberto Campo
pop

L’epitaffio discografico di Steve Albini

To All Trains degli Shellac è uscito dieci giorni dopo la morte del fondatore

Alberto Campo