John De Leo e Fabrizio Puglisi in doppio

Sento doppio esce per la Carosello, con ospite Gianluca Petrella

De Leo Puglisi Sento Doppio
Disco
oltre
John De Leo e Fabrizio Puglisi
Sento doppio
Carosello
2017

È difficile dire male di John De Leo, forse il cantante virtuoso per eccellenza oggi in Italia, grazie a una frequentazione trasversale fra il jazz e la canzone (prima con Quintorigo, poi con un paio di eccellenti album solisti: recuperatevi ad esempio Vago svanendo). Indubbio il valore anche dell'altra metà di questo bel progetto, Fabrizio Puglisi, fra i pianisti più inventivi e freschi oggi in Italia. Sento doppio, interamente condotto in duo – con le ospitate di Gianluca Petrella al trombone in due pezzi, "Other shapes (Searching for)" e "Escargots Cris" – esce per la Carosello Records, come già i precedenti lavori di De Leo (senonché l'etichetta ha nel frattempo legato la sua fama più recente ai dischi di Levante, Thegiornalisti, Emis Killa: dunque, fa un po' strano...).

La formula del duo permette di esplorare i rispettivi limiti, si gioca senza rete e su campi diversi, da Coltrane ("Naima") a Monk ("Crepuscule with Nellie"), dalla canzone (si riprende "Vago svanendo", già nel repertorio di De Leo) a momenti più rarefatti e rumoristici, fra la serietà e l'ironia. Proprio l'ironia è una delle chiavi del disco, mi pare. Si avverte – in molti pezzi – un senso di distanziamento ironico, di auto-contemplazione... che non sempre funziona, e sembra far prevalere lo sfoggio tecnico sul lavoro di scavo, sull'arrangiamento del duo. In effetti, i momenti migliori, quelli in cui Puglisi fa veramente alzare il livello, sono quelli più "canzone"... "Vago svanendo", ma anche l'incedere distorto di "Escargots Cris" (con Petrella). Insomma, un bel progetto – ma non tutto quello che (sicuramente) dal vivo funziona e cattura il pubblico sembra qui funzionare.

 

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Bruno Dorella, una chitarra e un naufragio

Concerto per chitarra solitaria è il disco in solo di Bruno Dorella, già con Ronin, OvO, Bachi da Pietra... 

Nazim Comunale
oltre

Holly Herndon verso l'umanesimo digitale

Il nuovo album della statunitense Holly Herndon, Proto, è frutto dell’interazione fra esseri umani e intelligenza artificiale

Alberto Campo
oltre

I Calibro 35 alla (ri)scoperta di Paolo Renosto

L'etichetta 19m40s dedica un disco al compositore fiorentino Paolo Renosto, alias Lesiman, tra contemporanea colta e library music

Enrico Bettinello