De Andrè, un genovese mediterraneo a Napoli

’Na strada ’mmiez’o mare. Napoli per Fabrizio De André rilegge Crêuza de mä in napoletano

creuza de ma napoletano
Disco
world
AA.VV.
’Na strada ’mmiez’o mare. Napoli per Fabrizio De André
Nota Records
2024

Usiamo la definizione “classico” per qualcosa che fa riferimento al mondo dell’arte, o comunque dell'ingegno umano, da quasi duemila anni. Nel secondo secolo d.C. quella parolina controversa la coniò Aulo Gellio, ed il riferimento era, appunto “classista”: era classico e degno, dunque, quanto potesse permettersi una “classe” ben fornita di censo, di presenza economica.

Attraverso diversi e curiosi snodi, la parola è arrivata fino a noi. Il significato più vicino alle nostre intenzioni e ai nostri propositi, oggi (e da Goethe in avanti) è che un classico sa abitare comodamente il proprio presente, al contempo non scordando il passato, e indirizzando antenne curiose verso il futuro.

In effetti funzionano così le opere di Shakespeare, quelle di Dante, di Borges o di Virgilio, abitatori incolpevoli di epoche diverse. Funziona allo stesso modo in musica, e perfino nella popular music, almeno, quella più prensile nei confronti di sollecitazioni che popular non sono, o lo sono parzialmente: pensate a Sgt. Pepper dei Beatles, o quel perturbante capolavoro, oggi alla boa del quarantennale, che fu ed è Crêuza de Mä.

Svanita l'austera e reificante aura museale che a lungo ha infestato De André, com’è stato ben segnalato da qualche studioso attento, ora si possono trarre bilanci e fare considerazioni, ma anche parlare del presente. Crêuza de mä fu davvero un classico inconsapevole voluto nel cuore degli anni dell' "edonismo reaganiano” e della “Milano da bere”, in direzione ostinata e contraria, per dirla con Faber, o, meglio, col suo mentore Álvaro Mutis.

Crêuza de mä fu un punto di svolta, un punto e a capo, un punto lanciato nell'infinito del pop e della canzone d'autore a costruire una linea retta fatta di infiniti punti.

Fu un punto di svolta, un punto e a capo, un punto lanciato nell'infinito del pop e della canzone d'autore a costruire una linea retta fatta di infiniti punti. I suoi due limiti, far riferimento a una lingua che nessuno capiva, un genovese quasi inventato, e una musica che nessuno conosceva, un mazzo di aromi mediterranei anch’essi (quasi) inventati che nessuno nel grande pubblico sospettava diventarono punti di forza.

Ecco, qui potrebbe fermarsi il discorso: perché finalmente esce la testimonianza discografica, per Nota Records, di due serate memorabili tenutesi nel cortile del Maschio Angioino il 14 e 15 settembre del 2015: ’Na strada ’mmiez'omare / Napoli per Fabrizio De André. Crêuza de mä ricantato e risuonato per intero.

Artefici del tutto Annino La Posta, che ha curato la direzione culturale del progetto e lo ha condiretto artisticamente con Dario Zigiotto. lI tutto sotto i buoni auspici di Comune di Napoli, Club Tenco, Fondazione De André.

Protagonisti, per il Faber / Pagani ricantato e risuonato, ma  tradotto in napoletano: Teresa De Sio, Francesco Di Bella, Gerardo Balestrieri, Enzo Gragnaniello con Mimmo Maglionico, Maldestro, Nando Citarella, la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Bella schiatta d'artisti: in quel momento in  buon equilibrio tra nomi storici e emergenti all’affaccio.

Esiti notevoli, interessanti, in qualche caso clamorosi. E la segnalazione tecnica che ’Na strada ’miezz’o mare è traduzione assai più vicino al vero, letterale significato di Crêuza de mä di quanto si creda.

Qui torniamo al punto “classico”: ciò che è diventato tale permette, accoglie, rilancia ogni rilettura, preservando misteriosamente il proprio essere unico, e rilanciando all'infinito la possibilità di identità multiple, plurivoche, e perfettamente legittime. Incremento di bellezza, non diminutio.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Eleonora Bordonaro: viaggio a San Fratello

La cantante siciliana alla scoperta dei "lombardi di Sicilia" nel nuovo disco Roda

Guido Festinese
world

KOKOKO! Una notte a Kinshasa

Butu, fra elettronica e ritmi locali, è stato concepito nel caos della Repubblica Democratica del Congo

Alberto Campo
world

Ferragutti & Rosaly, futurismo afrolatino

 La musica meticcia di Ibelisse Guardia Ferragutti & Frank Rosaly, dalla Colombia a Portorico

Ennio Bruno