Giorgio Li Calzi racconta CHAMOISic, e riflette sulle possibilità dei "piccoli" festival italiani