Chiwoniso Maraire 1976-2013

La morte improvvisa della cantante di Harare

Articolo
world
Chiwoniso Maraire è morta a soli 37 anni il 24 luglio in un ospedale di Harare (Zimbabwe) dove era si era fatta ricoverare dieci giorni prima per forti dolori al petto: il sospetto è che non sia riuscita a superare una polmonite non ancora diagnosticata. Si tratta di un doppi shock per quanti la conoscevano e ne apprezzavano le doti umane ed artistiche: per la perdita di una strumentista e compositrice di primo piano per la musica mbira dello Zimbabwe, e perché la sua morte arriva a circa un anno di distanza da quella del suo ex marito, il musicista Andy Brown, il padre dei suoi due figli Chengeto e Chiedza. Figlia dello straordinario musicista Dumisani Maraire, Chiwoniso era nata nel 1976 ad Olympia, Stati Uniti. Tornata in Zimbabwe a sette anni, era di casa al Book Café, il locale aperto ad Harare nel 1993 sopra un supermercato che ha ospitato anche dopo il recente trasloco i migliori artisti e poeti del Paese, e dove Chiwoniso ha dato forma ai brani che sono confluiti nei suoi dischi: dal debutto nel 1998 con Ancient Voices, a Rebel Woman (2008), insieme al produttore Keith Farquharson, sapendo prendere ogni volta i propri rischi: di innovazione musicale, così come di critica sociale, con un'energia che non l'abbandonava mai, sempre aperta alle collaborazioni, la più recente delle quali con Stella Chiweshe.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

La classifica dei 20 migliori album world e folk del 2018: canzone in Sardegna, elettronica in Maghreb, psichedelia in Turchia...

world

Gli album dei tunisini Deena Abdelwahed e Ammar 808 proiettano il Nordafrica verso il futuro

world

I lavori del congolese Petite Noir e di JP Bimeni, dal Benin, raccontano due nuovi percorsi della musica africana