Capolavori in archivio

Un nuovo disco raccoglie le ultime prove in studio dell'E.S.T. Trio del compianto Esbjörn Svensson

Articolo
jazz
Esbjörn Svensson Trio 301 Act, distr. Egea "301" è il nome dello studio di Sydney che ha fatto appena in tempo a raccogliere le ultime, grandi, prove dell'E.S.T Trio, prima della tragica scomparsa del pianista Svensson, una delle vere teste pensanti del jazz affacciato sul terzo millennio. Tant'è che i due compagni di palco, Dan Berglund al contrabbasso e all'elettronica, e Magnus Östrom alla batteria e all'elettronica "povera", oggi hanno inaugurato carriere soliste che approfondiscono le intuizione geniali di Svensson: creare una musica egualmente calata nel jazz di confine, nel lirismo più cantabile del "trio jazz con piano" classico e nei soundscape più avventurosi del rock contemporaneo. Se tornano i conti, dovrebbero esserci ancora altre sostanziose avventure sonore da quelle benedette ed ultime nove ore di materiale dagli studi australiani: speriamo che saltino fuori, perché già questo 301 che fa seguito al notevole Leucocyte è un altro tassello strabiliante e compiuto della musica secondo E.S.T. Lunghi pedali sonori increspati da ronzii e glitch elettronici, melodie di una bellezza sorgiva che sembrano scaturire dal nulla, fratture soniche e improvvisazioni ai bordi del "rumore creativo" come pensarono, tanti anni fa, quei retrofuturisti dei Can. Quasi un capolavoro, insomma.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Il mondo del jazz è in ginocchio, ma – forse – la musica lo salverà

jazz

Un paio di dischi da solista, di cui uno per Blue Note nel 1966, e collaborazioni di peso per una "meteora" del jazz: ecco la sua storia

jazz

Bise del duo Isophone (Rosa Parlato e Claire Marchal) documenta il progetto di Benoit Ganoote per il reparto oncologico dell’Ospedale di Lille