Un violino tra le nuvole

Charlie Siem e Marco Scolastra  per il Maggio della Musica

Charlie Siem e Marco Scolastra
Charlie Siem e Marco Scolastra
Recensione
classica
Villa Pignatelli di Napoli
Charlie Siem e Marco Scolastra
05 Maggio 2023

Venerdì 5 maggio Charlie Siem era insieme al pianista Marco Scolastra alla Villa Pignatelli di Napoli per la stagione del Maggio della Musica 2023 con un concerto dal titolo “tra le nuvole”. E ogni esecuzione è un'avventura, scuola, scoperta. Il musicista inglese ha presentato uno splendido impaginato di Grieg Sonata in sol maggiore op. 13 seguito da Paganini, Kreisler, Wieniawski e Sarasate in equilibrio tra ottocentesco e virtuosismo strumentale.

Esordisce il pianoforte, quasi spensierato Scolastra, che dopo poche battute ispira una cantabile melodia del violino: di lirismo soave Siem anche se non subito al meglio nell'intonazione. Musica delicata quella del Lento Doloroso, densa e complessa, intima l’interpretazione, e, anche se per l'allegretto, mai veramente scattante, Grieg affida al violino un moderato e fresco virtuosismo, il carattere leggero mantiene il sopravvento nella Sonata. Temi limpidamente cristallini emergono chiari e leggeri come tutto fosse parlato. Si entra nel vivo del concerto con tre capricci di Paganini: op. 1 n. 14, 20 e 24. Altre pagine, altra forza virtuosistica. Di respiro diverso, con notevoli vigorose arcate negli sforzando e particolari dialoghi tra i due, il tutto più cantabile e di inaspettata bellezza con l’accompagnamento al pianoforte, Siem sembra rapito, beato.

Vecchie melodie viennesi di Fritz Kreisler aprono la seconda parte del concerto. Magnetico il liebesfreud, pieno e caldo il suono del violino nel Liebesleid. Spostamenti d’accento caratterizzano un Schon Rosmarin, mentre nel divertente Tambourin Chinois op. 3 è un continuo rincorrersi tra pianoforte, che tiene testa, e violino, con sovrapposizioni melodiche, scale incalzanti e staccati incedono fino alla fine strappando il grande applauso. Ma il pubblico è catturato all’unanimità con Introduction et Tarantelle op. 43 di Pablo de Sarasate: rimbalza l’archetto sulle corde, ma solo quando il pianoforte inizia a dettare il ritmo si entra in un vortice melodico, ed è tutto virtuosismo puro. Un Perpetuum mobile da fiato sospeso caratterizza la tarantella, trilli, accordi, glissandi effetti sonori, pizzicati, scale vorticose ecc. ecc. e da questo momento il pianoforte scompare, anche quando torna più insistente, si fonde con il violino e riempie di armonia il suono di Siem. La sala trabocca di musicisti e appassionati, giovani e meno giovani catalizzati dalla ciarda di Monti fino al secondo bis di Godovsky, e Siem non si fa pregare.

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Santa Cecilia applausi entusiastici per il direttore Semyon Bychkov

classica

Con un trascinante Daniele Gatti sul podio, trionfo al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino per Tosca anni ‘30 con la regìa di Massimo Popolizio dichiaratamente ispirata al Conformista di Bernardo Bertolucci

classica

All’Oper Frankfurt un nuovo allestimento dell’opera wagneriana con la direzione di Thomas Guggeis e la regia attualizzante di Matthew Wild