Un duo in Paradiso

Dillon e Torquati al Nuovo Museo dell'Opera del Duomo di Firenze

Recensione
classica
Museo dell'Opera del Duomo Firenze
25 Febbraio 2016
Francesco Dillon, violoncello, e Emanuele Torquati, pianoforte, si sono affermati ambedue come eccellenti interpreti della musica contemporanea, ma stavolta, con il loro duo, ci hanno dato un programma romantico molto originale, nella Sala del Paradiso del Nuovo Museo dell'Opera del Duomo di Firenze, per la rassegna “Note al Museo” curata da Francesco Ermini Polacci. Un programma all'insegna di un romanticismo che ha nutrito la creazione musicale anche oltre i suoi confini cronologici convenuti: le “Kindersznen” schumanniane, ma rivisitate per violoncello e pianoforte nella trascrizione del violoncellista Friedrich Grützmacher (1832 – 1903, primo interprete fra le altre cose del “Don Chisciotte” straussiano), in un convincente intreccio e scambio reciproco fra melodia e accompagnamento; le variazioni “Kultaselle” su una melodia popolare finlandese del giovane Ferruccio Busoni, scritte quando il giovane Busoni era docente al Conservatorio di Helsinki; e infine, nella seconda parte, la Sonata op. 36 di Grieg. Di tutti e tre i pezzi proposti il duo Dillon – Torquati ha dato un'interpretazione calda e fluente, di notevole valentia tecnica ma sempre di tratteggio fine e fantasioso, in cui ci ha colpito la perfetta calibratura fra delicatezza e slancio, fra spunti caratteristici e il lirismo sognante che ispirava tutto il programma, fra particolare e architettura, ad esempio nel mettere in rilievo con naturalezza e proprietà l'originale costrutto della Sonata di Grieg. Successo eccellente e due fuori programma: un'altra trascrizione d'epoca con il violoncello dai Pezzi Lirici di Grieg, e, poi, a sorpresa, Dillon si siede anche lui al pianoforte per un corale di spirito neobachiano a quattro mani di György Kurtág in omaggio ai suoi novant'anni.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Scala: delude la regia di Frederic Wake-Walker per l'opera di Strauss, applausi al cast e al direttore Franz Welser-Möst. In un cameo c'è anche il sovrintendente Pereira

classica

Dopo l’Orlando furioso, il direttore Diego Fasolis e il regista Fabio Ceresa presentano la Dorilla in Tempe al Teatro Malibran di Venezia 

classica

Per la prima volta a Copenhagen Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Händel in una versione scenica firmata da Ted Huffmann