Sollima, la natura

Video, danza, e il suo violoncello in "Passacaglia Alta"

Recensione
oltre
Un altro concerto strano. Eccentrico. Una produzione di Musica 90 a Torino concepita per evocare le suggestioni del Forte di Exilles, in Val di Susa, mastio di rocce su rocce circondate da boschi. Pietre. Foglie. Neve. Caprioli. Narrazioni di anziani su testi di Franco Sepe, lavorati elettronicamente da Alessandro Bosetti, italiano a Berlino, che ha interpretato la prosodia del parlato cavandone note sulla tastiera, e componendo sottotraccia una malinconica melodia di un parlato di un triste parlatore. Bello.
Le fotografie e i video di Silvia Lelli e Roberto Masotti a scavare il dettaglio della materia della pietra, degli archi militari, dei ricci di castagne, delle danze di Chiara Rosenthal e Simona Tosco. "Passacaglia Alta" si intitola questo spettacolo che abbiamo visto la sera di Halloween in un Teatro Gobetti con un po’ di pubblico.
Al centro del palcoscenico, del progetto, di tutta la materia sonora, il body performer Giovanni Sollima, con pezzi suoi e di Evaristo Felice Dall'Abaco (Verona 1675 – Monaco di Baviera 1742) e di Francesco Corbetta (Pavia 1615 – Parigi 1681), gente che non si ascolta facile neanche nelle più belle stagioni di antica. Sollima, che sta facendo concerti più in giro per l’Europa che in Italia, riesce ormai addirittura a “danzare” intorno alle danzatrici, a trattare il suo violoncello radioamplificato come una chitarra elettrica, a scivolare fantasmatico e eroico in mezzo a immagini e altri suoni come uno spirito dei boschi e della luce.
Mentre tutto frana e si corrompe, mentre fuori piove e piove, ecco creazioni altre, che tengono alta la nostra passacaglia: lui passa-calle, ci fa andare oltre le altrui strade di vergogna, varia oltre ogni bruttura. Sollima non è nuovo a fusioni paniche con la natura: sull'Etna, sulle Dolomiti, nei boschi; e quando suona come un fauno apollineo in una sala da concerti, butta giù pareti e angustie, e spalanca, allarga, ossigena chi sta intorno al suo violoncello.


Passacaglia_Alta-teaser from -:[MaX]:- on Vimeo.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

La sesta edizione di Musica in prossimità conferma la spregiudicata visione artistica del festival di Pinerolo

oltre

A Roma Robert Henke riscopre il computer anni Ottanta, Virgilio Sieni interagisce con Bach

oltre

A Bassano OperaEstate Marco Paolini presenta Senza confini_No border