Il mito stupito e il rito spogliato di Claudio Abbado

A Bologna l'intensa lettura della Suite dal Prometeo di Nono e un asciuttissimo Requiem mozartiano

Recensione
classica
Teatro Manzoni Bologna
08 Giugno 2005
Dall'accostamento di mito e di rito – la Suite dal Prometeo di Nono e il Requiem mozartiano – esce una lettura di Claudio Abbado che opta da un lato per un'intensa lettura "morale" dell'opus laico di Nono-Cacciari-Piano e, dall'altro, per una spoliazione del mistero rituale e dell'elemento sacro nel Requiem. Al Teatro Manzoni ha preso il via il pacchetto di sei concerti che conducono l'Orchestra Mozart per la prima volta fuori da Bologna (a Ferrara e al Maggio Fiorentino). Anche questa eccellente nuova compagine può avere qualche sbavatura, e lo si è colto nella lettura del Requiem. Il che non ha impedito gli abituali acclamanti e festosi battimani ritmati di abbadiani itineranti e stanziali, che in chiusura, dopo l'ultima nota del Requiem, sono stati chiamati da Abbado a un lunghissimo silenzio in attesa degli applausi, quasi a ristabilire una sacralità che l'asciuttissima interpretazione ha tenuto lontana. Abbado sceglie articolazioni secche e nette, lavora come a rendere l'effetto del "non finito", a non sovrapporre enfasi alcuna al testamento mozartiano. Di fronte all'amatissimo Luigi Nono, Abbado opera come un risarcimento di questo suo lavoro a togliere. Il suo Prometeo è ancor più concentrato ed estremo di quanto già non fosse (sono ormai vent'anni, dalle prime di Venezia e Milano), e gli viene in supporto l'adeguatissima qualità della Mozart e dei suoi solisti. Di alto livello, accanto all'ottimo Arnold Schoenberg Chor istruito da Erwin Ortner, la selezione delle voci per le due partiture: Rachel Harnisc, Petra Hoffmann, Susanne Otto e Marek Torzewski per Nono, col live-electronics di Radio Friburgo, e Mariella Devia, Sara Mingardo, Jonas Kaufmann e René Pape nel Requiem.

Interpreti: Nono - Suite da Prometeo. Solisti Rachel Harnich, Petra Hoffmann, Susanne Otto, Marek Torzewski. Realizzazione elettronica: Experimentalstudio der Heinrich - Strobel-Stiftung des Südwestrundfunks e.V., Freiburg; regia del suono André Richard. Mozart - Requiem; Solisti Mariella Devia, Sara Mingardo, Jonas Kaufmann, René Pape

Orchestra: Orchestra Mozart

Direttore: Claudio Abbado

Coro: Arnold Schönberg Chor

Maestro Coro: Erwin Ortner

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Teatro del Maggio: le tre opere di Puccini dirette da Valerio Galli

classica

Händel per l’Oper Frankfurt al Bockenheimer Depot con la regia di R. B. Schlather

classica

Successo di pubblico per le sorelle Labéque, al Romaeuropa Festival insieme a Bryce Dessner e David Chalmin