Il microcosmo di "Don Carlo"

Ferruccio Furlanetto trionfa a Vienna

Recensione
classica
Wiener Staatsoper Vienna Wien
Giuseppe Verdi
25 Febbraio 2015
È la versione in italiano (e dunque in quattro atti) che la Staatsoper ha deciso di portare in scena. Rispetto a quello pensato per l’Opéra di Parigi nel 1867, è un Don Carlo che perde una “s” e insieme l’intero atto di Fontainebleau, ma sicuramente ci guadagna in rapidità drammaturgica. Lingua del libretto a parte, c’è comunque molta Italia in questa produzione: dal regista al direttore d’orchestra, dagli scenografi al costumista al coreografo e ancora alle luci, senza dimenticare alcuni membri eccelsi del cast. Daniele Abbado opta in regia per l’essenzialità: monumentale e nello stesso tempo opprimente è l’universo in cui si svolge la tragedia. La scena evoca gli spazi dell’Escurial: un microcosmo che fagocita le libertà individuali in ossequio all’ideologia. Tradizionalmente, la Staatsoper punta soprattutto sulle voci e quelle riunite per l’occasione sono tutte prodigiose. Accanto a Dmitri Hvorostovsky che ci regala un Rodrigo in crescendo e a Eric Halfvarson che fa un’apparizione che passa tutt’altro che inosservata nei panni del Grande Inquisitore, brillano Stefano Secco, Ferruccio Furlanetto e Maria Pia Piscitelli. Quest’ultima è un’Elisabetta dalla vocalità sempre avvolgente, mai urlata. Furlanetto, poi, è una lezione di interpretazione che deambula su scena: una tecnica messa al servizio della musica, un timbro vellutato, un legato che non lo tradisce mai, neppure nelle zone estreme della sua tessitura, e infine una recitazione naturale. Con lui, Filippo II si ritrova a dominare (almeno musicalmente). A Marco Armiliato piacciono i tempi rapidi. Scelta coerente con i consigli impartiti da Verdi. Peccato qualche pasticcio, specie nell’insieme con il coro. Il compositore raccomandava la cura delle “masse” (orchestre e coro) e se ne capiscono le ragioni.

Note: regia di Daniele Abbado

Interpreti: Ferruccio Furlanetto, Stefano Secco, Dmitry Hvorostovsky, Maria Pia Piscitelli, Béatrice Uria-Monzon

Scene: Graziano Gregori, Angelo Linzalata

Costumi: Carla Teti

Coreografo: Simona Bucci

Direttore: Marco Armiliato

Luci: Alessandro Carletti

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Otello di Gioachino Rossini nell’allestimento di Damiano Michieletto apre la stagione dell’Oper Frankfurt

classica

Una coincidenza porta l’opera di Alessandro Melani a Pisa a pochi giorni di distanza dalle rappresentazioni di Roma, dopo 350 anni

classica

Riuscitissimo recupero dell’opera di André Grétry nella prima produzione propria dell’Opéra Royal di Versailles