Il fascino di Maria

Bella e ben riuscita la "Maria" di Ravenna. Perfettamente in linea con le esigenze espressive di quest'opera gli interpreti, prima tra tutti Vanesa Quiroz. La musica di Piazzolla ha trovato ottimi interpreti nella compagine strumentale impegnata, diretta dal mestiere di Ziegler. Tanti applausi alla fine.

Recensione
classica
Ravenna Festival Ravenna
Astor Piazzolla
13 Giugno 2002
Sappiamo come Astor Piazzolla rappresenti una delle personalità più caratteristiche della musica del secondo Novecento, espressa attraverso un mondo sonoro che racchiude in ogni nota, in ogni scarto ritmico un preciso immaginario musicale e culturale, passato attraverso gli occhi passionali, malinconici e disincantati di un compositore argentino che definiva il tango e, quindi, la sua musica "un pensiero triste che si suona", parafrasando Discepolo. Tutto un mondo che troviamo racchiuso nel preciso equilibrio dal sapore surreale di "Maria de Buenos Aires" prima ed unica "operita de Tango" che il musicista compose, eseguita per la prima volta nel 1968, e proposta ieri sera nell'ambito della tredicesima edizione del Ravenna Festival realizzata in coproduzione con il Comunale di Bologna. In poco meno di due ore di musica, danza e recitazione, ritroviamo tutta l'atmosfera dell'ideale artistico piazzolliano, articolato nella precisa, schematica struttura drammaturghica e rispecchiato in quella nebbia fascinosa di rimandi che tratteggiano i testi di Horacio Ferrer. La vicenda della protagonista, pensata come un viaggio dalla periferia al cuore della città alla scoperta del proprio tragico destino diviso tra passione, amore e morte, altro non è che un simbolo, una traccia, un filo sottile e spesso trasparente sul quale intessere sensazioni, immagini, gesti e tanta musica. Fin dalle prime battute ritroviamo l'inevitabile gusto, caratteristico del compositore, per una struttura formale precisa, studiata, ma che riesce magicamente ha creare una perfetta cornice che abbraccia nella maniera più naturale i trascinanti ritmi del tango - ridisegnati sulla scena dalle belle coreografie di Miguel Angel Zotto - nutriti da sonorità dense, suoni palpabili. In questa alchimia ingrediente centrale non poteva che essere il bandoneon di Walter Castro, i cui interventi andavano ad incastonarsi entro una compagine strumentale sempre affiatata, efficacissima nei dialoghi tematici e negli accostamenti timbrici, costituita dall'incontro del Nuevo Ensemble Porteno e dell'Orchestra da Camera di Bologna, il tutto gestito dal fine mestiere di Pablo Ziegler, impegnato anche al pianoforte. Sul palcoscenico la regia Gabriele Vacis ha saputo rievocare le atmosfere di una Buenos Aires astratta ma molto presente, efficace nell'immergerci nel fumo delle milonghe - i locali dove si balla il tango - o in altri luoghi definiti attraverso le scene di Francesco Calcagnini dove qualche tavolo, alcuni armadi, un letto, icone religiose e candidi tessuti sospesi hanno ricreato la magia del colore di una città che è uno e mille luoghi immaginari. Maria, la protagonista, non potremmo immaginarcela diversa da Vanesa Quiroz, con la sua sensualità e quella voce intensa, carica di quella irrequieta, malinconica passione, specchio antico di una storia triste, ripercorsa attraverso l'itinerario sognante tracciato da Juan Vitali che ha prestato la parola a "el Duende", lo spirito narrante. Così è parsa questa "Maria de Buenos Aires", uno dei lavori più riusciti di Piazzolla, che anche in questa occasione ha dimostrato, proprio con la sua forte caratterizzazione e la sua determinata, irripetibile unicità, che si può fare teatro musicale ancora oggi, regalando emozioni, qui raccolte da un folto pubblico, alla fine entusiasta.

Note: nuovo allestimento in coproduzione Ravenna Festival - Teatro Comunale di Bologna. Le recite dal 19 al 28 giugno si terranno al Teatro Comunle di Bologna.

Interpreti: Quiroz, Trelles, Vitali, Zotto, Moro, Bonriposi, Botti, Perez Aspa, Tordoni, Pizzicato, De Francesco

Regia: Gabriele Vacis

Scene: Francesco Calcagnini

Costumi: Francesco Calcagnini

Corpo di Ballo: Compagnia di danza "Tango x 2"

Coreografo: Miguel Angel Zotto

Orchestra: Nuevo Ensemble Porteno; Orchestra da Camera di Bologna

Direttore: Pablo Ziegler

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Colonia il festeggiatissimo concerto dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, terza tappa della tournée in Germania e Repubblica Ceca

classica

Due sinfonie con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

classica

Parigi: all'Opéra Bastille dirige Fournillier